mercoledì 24 giugno 2009

ECCO IL VIDEO: LA "BENEDIZIONE" DELLA CHIESA DI RENZO PIANO

j
di Francesco Colafemmina
h
Pubblichiamo il video che mostra chiaramente l'episodio increscioso di domenica scorsa. Come è possibile vedere chiaramente e come è stato riscontrato da più parti, la benedizione della lapide a mosaico non era prevista dal cerimoniale nè tantomeno dal programma. Da una analisi approfondita dell'audio di questo video emergono i seguenti fatti: il Santo Padre ha appena ringraziato alcuni benefattori. Quindi un sacerdote si avvicina e dice: "Ci avviamo verso la rampa...". Padre Rupnik risponde: "Sì, almeno...". Poi viene additata dal Cardinal De Giorgi la lapide e Rupnik aggiunge, indicando anche lui: "Se si può benedire questa lapide...". Il tono chiarisce la sorpresa del gesto. Oltretutto mentre Rupnik chiede al Papa di "benedire la lapide" non così recita il testo della stessa:

In occasione della visita pastorale di
Sua Santità Benedetto XVI
in questa chiesa
impreziosita dalla devozione dei fedeli
con la bellezza dell'arte
per custodire
il corpo di San Pio da Pietrelcina
ha sostato in preghiera e l'ha benedetta
h
Il testo afferma - seppur con un costrutto volutamente ardito - che il Santo Padre a. "ha visitato questa chiesa" b. vi "ha sostato in preghiera" c. "l'ha benedetta" d. che questa chiesa è stata impreziosita "per custodire il corpo di San Pio da Pietrelcina".



Dunque ricostruiamo la vicenda. Nel 2008 e precisamente il 17 gennaio padre Rupnik presenta il progetto dei mosaici. Recita il comunicato: "Giovedi, 17 gennaio 2008, Padre Marko Ivan Rupnik, S.J., Direttore del Centro Studi e Ricerche “E. Aletti” e del Pontificio Istituto Orientale di Roma, ha presentato il progetto del mosaico da realizzarsi nella Chiesa Inferiore del Santuario di Padre Pio a San Giovanni Rotondo. L’incontro con i responsabili del Santuario e stato un momento molto sobrio. L’artista ha presentato le 17 scene che raffigurano, in parallelismo, il Padre San Francesco e San Padre Pio. Particolarmente significativa la scena 15°, in cui San Pio incontra alcune personalita della cultura, dell’arte e della politica. Il Mosaico raffigura, inoltre, alcune scene bibliche, compresa l’Annunciazione a Maria."
Poi fra gennaio e febbraio, grazie anche alle polemiche suscitate dalla denuncia presentata dall'Associazione Pro Padre Pio che sin dal primo momento ha affermato che si aveva l'intenzione di traslare la salma di Padre Pio nella nuova chiesa, e anche grazie alla contrarietà diffusa nel "popolo dei fedeli" comincia a farsi strada l'idea di affermare che la salma resterà sempre nella cripta di Santa Maria delle Grazie, laddove era stata sepolta nel 1968.
A distanza di più di un anno nel programma ufficiale della visita papale del 21 giugno si apprende che il Santo Padre "inaugurerà" il ciclo di mosaici realizzati da padre Rupnik nella cripta della nuova chiesa.
Il 21 giugno, mentre il Santo Padre si avvia verso l'uscita della cripta, prima gli viene indicata la targa. Il Papa legge con un certo stupore. Poi, mentre continua ad incedere, Mons. D'Ambrosio che avrà visto giungere dall'uscita della cripta un frate cappuccino con un aspersorio, mette un braccio dietro il Papa e poi con l'altro braccio gli blocca il passo, indicando l'aspersorio. Entra in scena trionfalmente il cappuccino che porge l'aspersorio a Papa Benedetto. Così viene benedetta rapidamente e senza neppure una preghiera la targa in questione. L'unico a segnarsi è Mons. D'Ambrosio.
A questo punto, nella consapevolezza che questo atto non era previsto e soprattutto che la targa invece di riferirsi alla benedizione della stessa o dei mosaici, si riferisce a quella dell'intera chiesa, viene spontaneo domandarsi che genere di persone abbia accolto il Santo Padre a San Giovanni Rotondo.
Resta tuttora inevasa la domanda cardinale: perchè il Vescovo ed i frati cappuccini hanno mentito riguardo alla traslazione del corpo di Padre Pio? E perchè l'hanno fatto consapevoli di mentire, proprio mentre programmavano il rivestimento aureo e musivo della cripta? E perchè hanno teso - mi si passi il termine - un "tranello" al Santo Padre? Perchè?

15 commenti:

Anonimo ha detto...

Questo filmato mette in evidenza la limpidezza e la trasparenza del nostro amato Benedetto XVI...
Sembra di vedere un agnello!

Luisa ha detto...

Il comportamento dei frati e del vescovo è semplicemente vergognoso, non trovo altre parole, o meglio le avrei ma mi astengo.
Andrea Tornielli dice che la Santa Sede deve dare il suo permesso per la traslazione e che per il momento nessuna richiesta è stata fatta.
Ciò mostra chiaramente la manipolazione riflettuta e premeditata della visita del Santo Padre e del Santo Padre stesso, i frati e il vescovo hanno messo il Papa davanti al fatto compiuto.
Che Benedetto XVI fosse stupito e non fosse al corrente risulta evidente, la benedizione è stata rapida e nessuna preghiera è stata pronunciata.
Quella targa simbolizza la menzogna e la manipolazione.
Speriamo che una volta ancora il Santo Padre non prenda su di sè le colpe altrui legittimando le menzogne dei frati e del vescovo.

Francesco Colafemmina ha detto...

Ho analizzato l'audio. Come puntualizzo nell'articolo Rupnik si rivolge al Papa e afferma: "se si può benedire questa lapide".

Caterina63 ha detto...

Tu chiedi il perchè caro Francesco....semplice: perchè ci fu già la sommossa per non far spostare il corpo di padre Pio e chi si oppose a questo trasloco, vinse quella prima battaglia, ergo ora agiscono con la menzogna per mettere i contrari e i fedeli, ignari di tutto, davanti al fatto compiuto...

quando un poi fedele chiederà spiegazioni, il fraticello dirà: "prega figliola, prega, Padre è questo che vuole...."

^__^

navinternetica@gmail.com ha detto...

facciamo uscire la denuncia da questa Agorà, frequentata da molti, ma non da tutti

Anonimo ha detto...

I Lupi ?

Dentro la Chiesa

Luisa ha detto...

La vergogna di ciò che è successo nei corridoi sotto la "chiesa" dedicata a Padre Pio, è oramai conosciuta.
È ora la responsabilità di chi ha a cuore che la volontà di Padre Pio sia rispettata di agire.
I frati tacciono, il vescovo tace, Rupnik, non tace, si inorgoglisce di ciò che gli avrebbe detto il Papa sui mosaici.
Insomma, c`è chi ha preso in giro il Papa in un modo vergognoso, plateale e, in definitiva, direi pure poco intelligente, perchè ha forse dimenticato che le teleacmere esistono e che fedelmente avrebbero riportato le immagini.
Immagini che parlano da sole sullo stupore del Santo Padre e sulla rapidità del gesto che gli stato "imposto ", in effetti Benedetto XVI avrebbe potuto rifiutare l`aspersorio che gli veniva teso?
Manipolazione, menzogne vergognose.
Immagino che dietro le quinte, qualcosa si stia muovendo.
Ne vedremo i risultati.

Giovanna ha detto...

Quante volte il Papa, in tutto il suo pontificato avrà detto e dovrà dire:

"Dagli amici mi guardi Iddio, chè dai nemici mi guardo io" !

E' un calvario pesante, doloroso e tenebroso, cosparso di trappole, agguati di ogni specie e frecce avvelenate che attraversano
con lanci fulminei e inattesi
il suo percorso
(questo ne è un esempio...)
tentando in vari modi di colpirlo mortalmente, nel cuore e nell'anima, e abbatterlo.

Satana è alacremente impegnato con le sue coorti per fermare l' umile e costante opera di restaurazione gradita al Signore, che guida il Pontefice con mano potente da un tranello all'altro, ristorandolo e sostenendolo come Lui sa fare nel segreto dell'anima, con la Sua Grazia.

Altrimenti, con le sole forze umane, papa Benedetto sarebbe già crollato, esausto come Elia.

Preghiamo per lui: temo che il peggio debba ancora venire.

Il Signore abbia pietà del Pastore percosso e del gregge disperso.

fufi2290 ha detto...

Che vergogna!
Questi sono i figli delle tenebre, più scaltri di quelli della luce!
Questa gentaglia lavora per i propri interessi e per la distruzione della Santa Chiesa!

Adesso chi potrà dire più nulla? Quando i fedeli protesteranno perchè non vogliono che il Santo venga traslato nel tempio massonico, il Vescovo risponderà: "E' stata benedetta dal Santo Padre!"...è con quali argomenti potremo obiettare???

Questa gente risponderà dinanzi al Tribunale di Dio dei peccati che stanno facendo, scandalizzando i più piccoli!

Che San Pio intervenga con qualcosa di forte (magari mandando un terremoto che distrugga completamente il tempio massonico)!
Che San Michele Arcangelo, Capo della Milizia Celeste, protegga la Santa Chiesa e il Santo Padre da tutte le insidie che le tendono i figli delle tenebre!

Armando ha detto...

Dove posso trovare le immagini dei mosaici citati? Ho trovato solo riferimento alle parole di apprezzamento del Santo Padre.

montmirail ha detto...

Grandissimo blog, complimenti.
Vediamo bene a che livello può arrivare l'autopromozione nei confronti del Santo Padre. Tra l'altro i mosaici di Rupnik come
la pseudo arte kikiana trasmettono una tristezza lugubre che invita a darsela a gambe levate alla prima occasione

Anonimo ha detto...

Aspettiamo che venga nominato il nuovo arcivescovo, sperando che non traslino il corpo approfittando dell'avvicendamento...


La soluzione più semplice e onesta a questo pasticcio consisterebbe in un lavoro di scalpello e ricostruzione della lapide da parte del Rev. Rupnik e sostituire la parola "corpo" con "cuore". Certo poi si dovrebbe costruire un altare (DEGNO) ove collocare la reliquia esposta alla venerazione del S. Padre e dei fedeli accanto all'altare durante la Visita Apostolica.

Anonimo ha detto...

E' un atto scandaloso, e rispetta esattamente un preciso disegno stabilito da tempo.
Tutto si verifica a prescindere da tutto.
E' l'inizio della decadenza lenta e inesorabile

Aletta

Anonimo ha detto...

A me sembra abbastanza evidente che il Papa non ha affatto benedetto la lapide ma il fotoreporter che, eroicamente, gli si era frapposto in mezzo.
Non esistono documenti video e fotografici che possano smentire tale versione, quindi propongo di innalzare un busto al fotoreporter che ha impedito, col proprio corpo, che il Papa cadesse nel tranello-

Francesco Colafemmina ha detto...

Grande anonimo! ;-)

Condivido, innalziamo un busto al fotoreporter!

Un'ottima idea... anche se il busto per la facciatosta andrebbe innalzato ai FRATI!