domenica 7 giugno 2009

ECCO A VOI LA CHIESA MOULINEX DI CALCATA!

Accadrà il prossimo 28 giugno a Calcata (VT) la dedicazione della nuova Chiesa, SS. Cornelio e Cipriano, progettata dall'Architetto Paolo Portoghesi. Il noto architetto autore della moschea di Roma e di quella di Strasburgo, vive ormai da anni nel borgo medievale di Calcata. Evidentemente data la sua permanenza in quel luogo avrà deciso di progettare questo nuovo luogo di culto.
Senza voler scendere in oziose dissertazioni sull'architettura del grande - perchè negarlo - Paolo Portoghesi, vi sottoponiamo le immagini della vecchia chiesa dei SS. Cornelio e Cipriano e quelle della nuova. A voi il giudizio! D'altro canto il problema è non la perfezione o la bellezza delle forme, ma il fatto che quei volumi dovrebbero incarnare una Chiesa e non un'astratta opera di estro architettonico.
L'antica chiesa dedicata ai Santi Cornelio e Cipriano nel borgo medievale di Calcata

Interno della nuova chiesa progettata dall'architetto Paolo Portoghesi


Processione per la festa dei SS. Cornelio e Cipriano - sullo sfondo il "Moulinex" di Portoghesi

La processione per la festa dei SS. Cornelio e Cipriano - sagrato della chiesa antica

16 commenti:

DANTE PASTORELLI ha detto...

Ma quelle specie di lenzuola tese all'interno cosa rappresentano?

Francesco Colafemmina ha detto...

Caro Dante,

non sono lenzuola, bensì le pareti della volta. Portoghesi è molto fissato con la forma della stella, ricorrente nell'islam (vedi moschea di Roma progettata dallo stesso). Anche la chiesa di S.Maria della Pace di Terni riproduce la stella.

Il problema è che mentre lì la scusa era che Maria è anche "Stella Maris", qui non comprendiamo il rapporto fra i SS. Cornelio e Cipriano e la stella!

Luisa ha detto...

Scusate, non essendo italiana non conosco le vostre istanze competenti.
Ma qualcuno lo avrà ben autorizzato quel progetto?
Qualcuno avrà visto le maquettes!
Non esiste un organo competente della CEI ?
Beh , temo che la risposta sia contenuta nella domanda visto certi esempi, anche recenti, di parrocchie inaugurate dal cardinal Vallini....forse esiste ma ha sposato il mondo e le sue molteplici creatività anche nell`architettura.
Come può definirsi "sacro" quell`edificio ?

Clausewitz ha detto...

Oi. Parabéns por seu excelente blog. Gostaria de lhe convidar para visitar meu blog e conhecer alguma coisa sobre nossa luta contra o comunismo aqui no Brasil. Abração

DANTE PASTORELLI ha detto...

Forse, essendo i Santi Cornelio e Cipriano uniti nel culto, son uniti in un'unica stella. Peccato che non sia una cometa.
Eppure più guardo questa stella e più la parte centrale mi sembra una terrazza del sud con le lenzuola tese al sole.
Scusa, caro Francesco, gli occhi stanchi d'un nonno vecchietto che fan veder quel che non c'è e sembra ci sia.
Una forma di poesia, no?
Le lenzuola lavate e candide son le nostre anime dopo la confessione e la comunione. Non sarebbe uno spunto felice per Portoghesi? Tu che puoi, suggeriscigli l'idea. Non si sa mai, potresti guadagnarci qualcosa.

Fabrizio ha detto...

La mia stima per Portoghesi, che stimavo come uno degli architetti contemporanei più attenti ad una continuità con la tradizione, è sensibilmente diminuita.....La bella moschea di Roma non sta di certo al paro di questo elettrodomestico da piazza....forse perchè i committenti musulmani sono un tantinello più esigenti dei nostri? O, piuttosto, sanno quale sia la differenza tra un luogo di culto e una sala conferenza?

Luisa ha detto...

Ed ecco la moschea di Strasburgo , mi sembra che anche lì ci siano delle leunzuola....


http://www.islamisation.fr/archive/2008/03/18/travaux-de-la-mosquee-de-strasbourg-ca-avance.html

mic ha detto...

il problema, secondo me, è che per effetto della secolarizzazione, gli architetti cristiani sono mosche bianche - se ci sono - e non si può progettare uno spazio sacro senza conoscerne e viverne il mistero, il rapporto con Dio e il culto da celebrare e trasmettere.

Purtroppo all'interno stesso della Chiesa si sono persi i Fondamenti Dottrinali, ma soprattutto spirituali del vero culto dovuto al Signore, che è funzione della Chiesa

Gli architetti e gli artisti di un tempo erano figli di una "cultura", se non di una religione "portante": ora non più!

mic ha detto...

Ci sono direttive della Chiesa anche sull'architettura e sull'arte sacra; ma chi segue più, oggi, le direttive del Magistero?

Le cosiddette "chiese locali", ormai sembrano diventate tutte orfane del primato petrino, unica sorgente di buona compaginazione, ma soprattutto di unità anche di comportamenti e di scelte consapevoli, pur nella Libertà dei Figli di Dio...

Luisa ha detto...

Mi piace, caro Mic, la tua espressione, "orfane del primato petrino"...

Hanno perso il padre?
Eppure quel padre c`è!
Solo è talvolta assente, sembra aver perso la valenza normativa della sua funzione .

Orfani o ribelli in ogni caso tanti, troppi, vescovi agiscono come se la loro obbedienza al Magistero petrino, la loro sottomissione al primato petrino fosse un optional.

Luisa ha detto...

Per curiosità son andata a guardare un`altra opera di Portoghesi, la chiesa Santa Maria della Pace a Terni.
Che dire? Ciò che ho letto mi lascia di nuovo perplessa sulla salute della nostra chiesa e di chi ci governa.
Così a caso leggo fra l`altro:

"L'importanza dell'evento - spiega il direttore dell'Ufficio Beni Culturali della diocesi don Fabio Leonardis - è data innanzi tutto dalla consegna di un  luogo di culto alla comunità parrocchiale e diocesana,( grazie di ricordarlo..!) ma anche perché per l'interno dell'edificio sono state commissionate opere d'arte ad artisti di fama internazionale che faranno di quella chiesa uno dei poli di attrazione per le visite guidate a turisti cultori dell'arte contemporanea (!!) e a pellegrini, che vedono nell'opera d'arte un veicolo privilegiato per la conoscenza di Dio".

".... opere  realizzate per la Cattedrale e la Chiesa di santa Maria della Pace in Terni, inserendole nel rinnovamento liturgico auspicato e voluto dal Concilio."(...è sempre bene precisarlo)

Chi non ha visto i i turisti a Venezia, Firenze e altrove ?
Altro che conoscenza di Dio, sandwich, coca cola e pic nic .
Non metto in dubbio che esista spesso un vero interesse per le opere d`arte, ma chi entra in quelle chiese con la coscienza che non sono in un museo, ma nella dimora di Cristo?
Ancor più quando pagano per entrare?
Ho assistito a delle scene recentemente che mi hanno veramente scioccata.
Basterebbe un pò di musica sacra, per immediatamente spingere le persone ad un comportamento degno del luogo in cui sono.

E siccome nella Chiesa di Terni sembrerebbe che ci siano opere d`arte, ecco che l`artista immortalizza come nel passato, chi ha commissionato le opere e così...

"Il pittore ha dato il volto di Paglia all' antico vescovo di Terni che invita Francesco a entrare in chiesa, mentre don Leonardis ha ceduto le sue sembianze a San Bernardo da Calvi, uno dei primi martiri francescani."

Mah!

DANTE PASTORELLI ha detto...

Ma se un architetto sa costruire una "bella" moschea, cioè una moschea che interpreta i canoni della snensibilità islamica senza eser islamico, vuol dire che ha studiato ed obbedito a precise direttive.
Perché questo non avviene quando la stessa persona progetta ed erige una chiesa cattolica
Dov'è il difetto?

Caterina63 ha detto...

progettata dall'Architetto Paolo Portoghesi. Il noto architetto autore della moschea di Roma e di quella di Strasburgo

***********************

ebbè, si comprende bene perchè vedendo le foto prima ancora dell'articolo mi sono chiesta: mamma mia, somiglia tanto ad un luogo adatto a qualsiasi fede....non c'è proprio nulla di cattolico!

mi consola la prmessa del Cristo: NON RESTERA' PIETRA SU PIETRA....

Anonimo ha detto...

Sbsglio, o un tempo - il tempo delle grandi cattedrali gotiche - erano i teologi che davano le direttive sull'impostazione dell'edificio e ne sorvegliavano l'ortodossia dei percorsi, dei simboli e dei significati?

Adesso da dove vengono le direttive?
(beh... se i teologi devono essere dei progressisti, meglio che non dirigano troppo: potrebbero superare perfino il Grande Cubo o il Maxi Moulinex....)

Caterina63 ha detto...

...è stato da voi fatto notare la presenza della STELLA nei progetti di questo architetto....egli mette in tutte le sue opere quella che dovrebbe essere una STELLA per richiamare il senso di DIO...ergo, notate la Moschea di Roma e notate la nuova Chiesa hanno entrambi sul soffitto LA STELLA....

scompare così dalla nuova arte presunta cattolica (che di cattolico non ha più nulla) il richiamo AL TABERNACOLO, PRESENZA VIVA E VERA DEL DIO-CON-NOI per lasciare posto alla FANTASIA e ad un richiamo sincretistico nel quale OGNI LUOGO DI CULTO, COMPRESO QUELLO CATTOLICO, CUSTODISCE
IN SE' UN VELATO RICHIAMO ALLA RICERCA DI DIO....

ciò che si sta perdendo, e che forse abbiamo già perso, e che i Vescovi che dovrebbero bocciare questi sincretismi ignorano o hanno perduto, è che NOI cattolici AVEVAMO E ABBIAMO GIA' DIO-CON-NOI e non abbiamo costruito i Templi per cercarlo o incontrarlo in modo ASTRATTO O ESTROSO, o fantasioso....al contrario, abbiamo costruito i Templi per CUSTODIRE LA PRESENZA DI DIO FRA NOI NELL'EUCARESTIA....
è questo che non si comprende più: con le nuove chiese abbiamo SFRATTATO la presenza di Dio-con-noi per lasciare spazio ALLA FANTASIA....


quando vieni Signore Gesù?

Anonimo ha detto...

Comunque la Moulinex fa i migliori frullatori sul mercato. Non è corretto fare il paragone !! E poi P, Portoghesi ha voluto ricordare forse la corona regale ,un bel coronone, una specie di ingranaggio gigante. Dovete andare a vedere una chiesa a forma di mezzo ananas che si trova a Grosseto, vicino nella via che porta a Roselle. Altro che Portoghesi !!L'architetto è stato un genio,sicuramente gli piace questo frutto che di fatto è buonissimo.