mercoledì 28 ottobre 2009

IL DOSSIER GAGNON - SECONDA PUNTATA

Edouard Card. Gagnon 1918-2007

di Francesco Colafemmina

Ebbene, avevo chiaramente sospettato che Robert Moynihan, direttore di Inside the Vatican, fosse sulle tracce del famoso "dossier Gagnon", un vero e proprio resoconto dettagliato dei Massoni in Vaticano redatto nel da Mons. Gagnon, un uomo di grande virtù che sarebbe stato innalzato al cardinalato da Papa Wojtyla.

Ecco di seguito la seconda puntata del report di Moynihan, fresca di pubblicazione su The Moynihan Report:

"Guardi," dissi al Monsignore, "c'è un'altra cosa che vorrei domandarle..."

"Si?" disse.

Feci una pausa. "E' una questione delicata".

Il Monsignore mi guardò, in attesa che io parlassi.

"Bene, prima dovrei raccontarle riguardo a qualcosa che ho già fatto. Sono andato infatti a trovare il Cardinal Gagnon poche settimane prima della sua morte. Sono partito per Montreal e gli ho fatto visita..."

Il Monsignore era silenzioso. Mi sembrava di avere tutta la sua attenzione.

"Ed abbiamo avuto una breve conversazione, nonostante fosse molto indebolito. Durante la conversazione, gli ho posto una domanda riguardo alla sua delicata missione compiuta per Paolo VI in merito alla Curia..."

Il Monsignore mi interruppe. "E per Giovanni Paolo II, quando andò a visitare le comunità di Monsignor Lefebvre in Svizzera, Francia e altrove. So delle sue visite..."

"Bene," dissi, "non ero interessato a queste visite. Volevo piuttosto saperne di più riguardo alle sue investigazioni sulla Curia Romana negli anni '70, per Paolo VI."

"Si," disse guardingo il Monsignore. "Lui si occupò di queste indagini."

"Bene, ecco la questione," dissi, "quando domandai al Cardinal Gagnon riguardo queste investigazioni, mi disse che gli era stato ordinato di distruggere ogni copia del suo Report, e che lui aveva obbedito..." Il Monsignore restò in silenzio.

"Così lui distrusse tutte le copie," aggiunsi, "e non rimase neppure una copia."

"Ma poi gli chiesi se ci soffe ancora qualcun altro in vita che conoscesse il contenuto di quel report, qualcun altro con cui avrei potuto parlare, qualcuno che avesse lavorato al suo fianca... E lui annuì e mi fece un nome. All'inizio non riuscii ad udirlo, e lui disse il nome un'altra volta, ed era il suo nome, Monsignore." Il Monsignore si irrigidì e stava per dire qualcosa, ma non disse nulla. "Lui mi disse che lei lavorò con lui, e conosceva il contenuto del suo report. Perciò ho voluto chiederle, se non è legato dal segreto pontificio, se ci fosse qualcosa che lei mi possa dire su quel report."

"No," rispose. "Nulla. Riguardo al Report nulla. Io so che lui effettuò l'indagine, e scrisse il Report, ma non conosco il suo contenuto. Più tardi so che visitò le comunità di Lefebvre nel 1987. Conosco il report che scrisse in quell'occasione ma non l'altro". Fui sorpreso.

"Ma..." dissi "la prego di perdonarmi, ma non capisco. Sua Eminenza mi ha detto che lei ha lavorato con lui quando preparò il primo Report per Paolo VI negli anni '70".

"No," disse fermamente il Monsignore. "No, lei non ha udito correttamente il nome."

"Ma ne sono certo" insistetti. "Lui parlava del suo nome. Non mi sbaglio."

"No," disse il Monsignore. "Lei si è sbagliato o forse Sua Eminenza si sbagliò o commise un errore e confuse i due report. Io non ho lavorato con lui sulla prima indagine... Solo molti anni dopo..."

"Così lei non sa nulla sul contenuto di quel report?" Domandai.

Nell'estate del 2009, ho telefonato un'altra volta al Monsignore che mi aveva indicato il Cardinal Gagnon.
Durante una conversazione a vasto raggio, mi ripetè che non aveva nessuna conoscenza specifica del report perduto, e non aveva fornito alcun aiuto nella sua realizzazione, ma ora diceva di conoscere in generale il suo contenuto.

"Contenteva proposte per una riforma generale della Curia Romana. Le proposte ambivano a modernizzare, semplificare e razionalizzare le operazioni della Curia. Uno dei suggerimenti di Gagnon penso fosse che l'Osservatore Romano, che stava avendo cospicue perdite economiche, dovesse essere riorganizzato o chiuso. Un'altra era che anche la Radio Vaticana dovesse essere riorganizzata o chiusa. E inoltre proponeva una riforma generale dello IOR. Si trattava di una valutazione amministrativa."

"Ma si trattava, come molti hanno affermato, di una indagine sui possibili massoni in Vaticano?" domandai.

"No," rispose. "Potevano esserci dei massoni, naturalmente. Tutto è possibile. Ma non fu compilata alcuna lista. Il suo obiettivo era un altro. Suppongo che lei stia pensando a queste liste di "massoni in Vaticano" che furono pubblicate...

Lo interruppi. "Si, ricordo una lista con circa 120 nomi..."

"Si," disse. "Ebbene quelle liste sono certamente poco credibili. Anzi per nulla. Furono redatte per creare confusione nella Chiesa. Mescolano nomi di ogni genere. Dovremmo essere poco saggi per prenderle seriamente... e finiremmo per fare il gioco dei nemici della Chiesa. Dopo tutto, i nostri stessi peccati e debolezze sono i più grandi pericoli cui andiamo incontro: noi siamo a noi stssi i peggiori nemici! Questa è l'amara verità, ma conforta in un certo senso. Significa che la continua esistenza della Chiesa è il reale lavoro del Signore e dello Spirito Santo."

Così in questa conversazione appresi un po' di più sul contenuto del report Gagnon e compresi che ambiva ad una grande trasformazione dell'amministrazione della Banca Vaticana e ad una revisione della Curia Romana ed in particolare della Segreteria di Stato - fatti che non accaddero.

-------------------------------------------

A questo punto personalmente credo che la storia non sia finita qui e questo ritornello "curiale" in base al quale i "massoni in Vaticano" sarebbero una pura invenzione e prendere sul serio la cosa significherebbe "fare il gioco del nemico" siamo un po' stanchi di sentircelo ripetere.

Ecco di seguito la fonte più dettagliata sul dossier Gagnon. Si tratta del volume "scandalistico" di Mons. Marinelli di cui tempo fa si diceva in Vaticano che il 30% "può essere vero", ma il 70% "è verissimo". Mons. Marinelli dice sì che il dossier parlava di riorganizzazione della Curia, ma aggiunge che si trattava di una copertura. D'altronde quale ragione ci sarebbe stata non solo di distruggere tutte le copie del dossier, ma persino di rubarlo dal cassetto di una scrivania vaticana?

Pagg.57-59 Il dossier e il furto mirato

"Paolo VI, che non fece misteri sull'asfissia del fumo satanico al centro della Chiesa, ai primi del 1974 si vide costretto a formare una ristretta commissione con incarico di facciata volta a studiare la riorganizzazione amministrativa della Curia Romana; invece le affidava il mandato segreto di appurare che cosa di marcio bollisse in pentola.

A presidente di essa fu scelto un prelato canadese tanto genuino quanto retto e sincero, l'arcivescovo Edouard Gagnon, che a suo segretario scelse, o meglio gli affibbiarono, l'ungherese monsignor Istvan Mester, capo ufficio della Congregazione per il clero. Passarono per quasi tutti i dipartimenti di curia invitando gli impiegati ad esprimere liberamente il proprio punto di vista sui superiori e sull'andamento dell'ufficio.

Posti a loro agio, furono moti quelli che si aprirono a denunziare fatti e misfatti dell'ambiente. Il materiale raccolto fu interessante e rivoluzionario. Il presidente della commissione monsignor Gagnon stette per tre mesi impegnato a stendere la voluminosa relazione, che alla massoneria vaticana apparve subito scottante e pericolosa: si facevano i nomi e le attività occulte di certi personaggi di Curia. Occorreva inventarsi qualcosa perchè la relazione inquisitoria non arrivasse a Papa Montini, già non tanto bene in salute. Il tutto doveva essere eseguito nel più stretto riserbo. Si escogitò il piano e lo si pose in atto: "Nessun Dorma!"

Monsignor Gagnon, terminato in tutti i vari aspetti il duro lavoro d'insieme sul risultato conclusivo dell'inchiesta, domandò tramite la Segreteria di Stato d'essere ricevuto da Paolo VI per esporgli di persona e a voce le sue riflessioni in merito a certe devianze all'interno del Vaticano. I giorni passavano e la risposta non veniva. Finalmente gli comunicarono che, data l'estrema riservatezza della materia, era bene che lui, Gagnon, consegnasse l'intero dossier della relazione alla Congregazione per il clero, dove il segretario, monsignor Istvan Mester, avrebbe pensato a custodire il tutto in un robusto cassettone a doppia serratura nella stanza d'ufficio. Il bravo arcivescovo non seppe darsene una spiegazione, ma ubbidì agli ordini.

La mattina di lunedì 2 giugno 1974, Monsignor Mester, aperta la porta, s'accorge subito che nella sua stanza qualcosa non va: qualche foglio sparso per terra, ei libri fuori posto, dei fascicoli spostati. Poi constata che il grosso cassettone accanto alla scrivania ha le serrature scardinate: dal ripiano manca la serie dei dossier relativi all'inchiesta fatta da Gagnon. Due giorni a disposizione degli asportatori, pomeriggio di sabato 31 maggio e domenica 1 giugno, sufficienti per lavorare con calma e riservatezza sul trafugamento del dossier.

Tanto per cominciare, s'impone a tutti il segreto pontificio sull'accaduto: nessuno deve parlare. Poi, vengono doverosamente informati la Segreteria di Stato e il presidente Gagnon che, per niente sorpreso, promette d'essere in grado di stendere in breve tempo copia della relazione già redatta. Per tutta risposta intanto lo dispensano dal rifarla,se del caso gliela avrebbero chiesta in seguito. Lo stesso capi dell'ufficio di vigilanza, Camillo Cibin, viene incaricato di eseguire il sopralluogo, mettendo a verbale quanto rilevato nell'ispezione, inviandolo in Segreteria di Stato. Al Papa viene riferito del grave furto e che il dossier non è più reperibile. Sull'episodio, intanto, si sarebbe fatto scendere il silenzio più assoluto.

Ma la notizia sul furto comincia a circolare già nel primo pomeriggio di martedì 3 giugno: dei ladri avrebbero forzato una cassaforte, si accenna alla scomparsa di documenti su commissione. I giornalisti prendono atto con poca convinzione della smentita del portavoce della sala stampa vaticana, dottor Felice Alessandrini. Gli addetti al mestiere sanno che là, quando ci si affretta a dire di non essere a conoscenza di ciò che si asserisce, allora c'è sempre qualcosa sotto, di cui si è al corrente, allorquando la si smentisce. La si definisce restrizione mentale sulla verità che è diversa. Non essendo bugia, non è neanche peccatuccio.

La notizia si allarga a macchia d'olio, tanto che l'"Osservatore Romano", organo di stampa quasi ufficiale della Santa Sede, è invitato a dare informazione accomodante: "Si è trattato di un vero e proprio furto per sfregio. Ignoti ladri sono penetrati nell'ufficio di un prelato e hanno asportati alcuni dossier custoditi in un robusto cassettone a doppia serratura. Il furto è clamoroso". La loggia massonica conosce i mandati e i mandanti, che risultavano non del tutto ignoti a molti.

La situazione della Curia Romana all'epoca era molto tesa e la Commissione di Monsignor Gagnon non contribuì a rasserenare l'ambiente. Un capodicastero straniero mise con garbo alla porta i cinque membri di detta Commissione, mentre un altro Cardinale dichiarò la propria indisponibilità a permettere un'indagine del genere sul personale del suo dicastero. Dunque quel dossier doveva contenere evidentemente giudizi e apprezzamenti sul personale, i superiori e l'andamento di tutta la curia. Il furto, pertanto, era mirato.

Anche se non gli fu più richiesto, il prelato Gagnon approntò ugualmente un dossier simile al precedente; chiese di essere ricevuto in udienza privata dal Papa, che ancora una volta non gli fu accordata. Allora, pregò la Segreteria di Stato di inoltrare il dossier in tutta segretezza a Paolo VI, ma neanche quest'altro malloppo fu recapitato, perchè al Pontefice era stato riferito che i documenti asportati erano ormai irreperibili. La congiura di corte aveva deciso di lasciare il Papa all'oscuro degli intrallazzi di curia.

Monsignor Gagnon, vistosi così raggirato, considerò ormai terminata la sua missione di permanenza a Roma, si consigliò con persone sagge e rette e prese la radicale decisione di ritirarsi in Canada, dove aveva già maturata la sua pensione. Tornò in patria, consiederandosi un pensionato a tutti gli effetti. Ma Papa Wojtyla, venuto a conoscenza della rettitudine del personaggio, lo richiamò a Roma, facendolo cardinale, per avvalersi del suo consiglio sul dissodamento dell'ambiente vaticano, intriso - ahinoi - nel profondo di diossina satanica.

martedì 27 ottobre 2009

PRESENTAZIONE DEI VOLUMI DI AMERIO A ROMA


Le Edizioni Lindau presentano Iota unum Studio delle variazioni della Chiesa cattolica nel secolo XX (Iota unum) e Stat Veritas Seguito a « Iota unum » (Stat Veritas) di Romano Amerio

VENERDÌ 30 OTTOBRE

ORE 16,30PRESSO LA BIBLIOTECA ANGELICA

Roma, Piazza di Sant’Agostino, 8.

Lindau presenta i primi due volumi dell’Opera omnia di Romano Amerio pubblicati con la curatela e le postfazioni di Enrico Maria Radaelli

Interverranno

mons. prof. Antonio Livi
don Curzio Nitoglia

prof. Enrico Maria Radaelli

dott. Francesco Colafemmina

Moderatrice la dott.ssa Maria Guarini

ALLARME SCIENTOLOGY A MANOPPELLO

Questa notizia è stata ufficialmente smentita da Scientology Italia. Clicca qui per leggere la smentita e qui la nostra precisazione.
.
di Francesco Colafemmina
.
La pseudo chiesa di Scientology a Manoppello? Una nuova sede della setta di psicopatici vicino al Santuario del Volto Santo?
.
Non è la trama del nuovo romanzo di Dan Brown, ma quanto potrebbe accadere nella piccola località abruzzese nota per il velo miracoloso lì custodito, quel velo che
il giornalista tedesco Paul Badde ha dimostrato essere l'autentico "velo della Veronica", originariamente custodito in San Pietro prima della realizzazione della nuova Basilica agli inizi del cinquecento.
.
Il Santo Padre Benedetto XVI è stato il primo Papa a recarsi in pellegrinaggio proprio a Manoppello nel settembre del 2006. Affermò il Papa in quella occasione: " 'Chi ha visto me ha visto il Padre'. Sì, cari fratelli e sorelle, per “vedere Dio” bisogna conoscere Cristo e lasciarsi plasmare dal suo Spirito che guida i credenti “alla verità tutta intera” (cfr Gv 16, 13). Chi incontra Gesù, chi si lascia da Lui attrarre ed è disposto a seguirlo sino al sacrificio della vita, sperimenta personalmente, come Egli ha fatto sulla croce, che solo il “chicco di grano” che cade nella terra e muore porta “molto frutto” (cfrGv 12,24). Questa è la via di Cristo, la via dell’amore totale che vince la morte: chi la percorre e “odia la sua vita in questo mondo, la conserva per la vita eterna” (Gv 12, 25)".

Ma ora cosa sta accadendo? A quanto pare qualcuno ha promesso di spendere forti somme di denaro per la realizzazione di un "ostello" nei pressi del Santuario. Con tutta probabilità si tratta di uno degli ostelli costruiti in giro per il mondo dalla cosiddetta Sea Org. La Sea Organization è una società fondata dal pazzoide creatore di Scientology, Ron Hubbard, con lo scopo di formare i ranghi più elevati di questa organizzazione. Infatti gli aderenti alla Sea Org. firmano un contratto con Scientology per la durata di 1 miliardo di anni... credono pertanto nella reincarnazione ed in un'altra serie di incredibili corbellerie galattiche.
.
Questi adepti della Sea Org. ricevono vitto ed alloggio in "ostelli" (hostels) e sarebbero indotti a non fare figli, giacché la loro vita deve essere dedicata alla diffusione di Scientology, attraverso questa loro azione "laica". Le donne appartenenti alla Sea Org. vengono addirittura invogliate ad abortire: i figli costituiscono infatti un impedimento alla causa demenziale e diabolica della pseudo chiesa di Hubbard.
.
Ora chissà per quale diabolica ragione gli adepti di Scientology sarebbero approdati dinanzi al Santuario del Volto Santo, con le loro valigette piene di denari. Recentemente l'Espresso ha dedicato una illuminante inchiesta alle tecniche di infiltrazione dei membri di Scientology. Da quell'inchiesta emerge chiaramente che tali tecniche sono ben oleate dalla forza finanziaria della setta. Da notizie pervenuteci sembrerebbe che gli affiliati a Scientology delle Marche a causa di ostilità maturate in quella regione abbiano deciso di trasferirsi in Abruzzo, proprio a Manoppello, dove anticamente sorgeva un Santuario a San Michele. Preghiamo dunque il grande combattente di Satana affinché non si verifichi una tale sciagura. E ad ogni modo per scongiurare questa terribile eventualità anche con le nostre umane forze è opportuno inviare e-mails e messaggi di protesta al Comune di Manoppello. Qui sotto trovate i recapiti del Sindaco.
.

Dott . Gennaro Matarazzo
Sindaco
Comune di Manoppello
Via S. D'Acquisto, 1
65024 Manoppello (Pe)
Telefono 0039 - 85-8590003
Fax 0039 - 85-8590895
e-mail: comunemanoppello@tin.it

La notizia pubblicata in anteprima stamane sul sito Kath.net

lunedì 26 ottobre 2009

BASTA CON LE BANDIERE DELLA PACE IN CHIESA!


di Francesco Colafemmina

La potenza evocativa dei simboli è tale da renderne difficile la cancellazione dopo la loro introduzione nella quotidianità. Un esempio su tutti possiamo riscontrarlo nel caso della cosiddetta bandiera della "pace". Ancora ieri mi è capitato di vederla esposta in una splendida cattedrale del cinquecento.

Questa mefitica bandiera introdotta in Italia in occasione dello scoppio della guerra in Irak, dopo esser stata ritirata dalla maggior parte dei balconi italiani continua ad attecchire all'interno delle chiese cattoliche.

Cominciamo col dire che questa fantomatica bandiera è stata ufficialmente smascherata da un articolo molto dettagliato pubblicato nell'estate 2008 dall'Agenzia Fides (che - sia detto per inciso - ha subito dei devastanti cambi al vertice qualche settimana fa). Cosa si dice in quell'articolo? Anzitutto che la bandiera cosiddetta "della pace" è la bandiera ufficiale dell'orgoglio gay. Fu disegnata dall'artista gay Gilbert Baker nel 1978. Come ha recentemente affermato lo stesso Baker, la bandiera fu disegnata come simbolo di "liberazione" da "coloro che fanno i legislatori della morale". Questa bandiera fu realizzata in occasione dell'assassinio dell'attivista gay Harvey Milk il 27 novembre 1978. Da allora cominciò ad andare a ruba tanto da diventare un vero e proprio vessillo della lotta gay alla conquista della libertà dalla morale "omofobica".

Lo stesso Baker spiegò che i colori della bandiera andavano letti in questo modo: il rosa indica la sessualità, l'indaco l'armonia, il rosso indica la vita, l'arancio è la salute, il giallo ricorda il sole, il verde rappresenta la natura, il blu è l'arte e il viola lo spirito.

Ciò detto è altresì evidente che il tentativo di ricondurre la creazione di questa bandiera al fondatore gandhiano della marcia "per la fratellanza dei popoli" Perugia-Assisi, Aldo Capitini, è piuttosto fallimentare. Sia perché questa è una evidente manipolazione storica, sia perché il rainbow flag è una specifica "proprietà" della comunità gay internazionale.

Chi l'ha dunque introdotta in chiesa? Lo ha fatto padre Alex Zanotelli, l'attivista comboniano che nel 2002, alla vigilia della guerra in Irak, si fece promotore della diffusione di questa pseudo bandiera della pace. Dico pseudo perché non si tratta della bandiera della pace di Capitini, bensì molto più chiaramente della bandiera dell'orgoglio homosex.

Senza paura di essere definiti omofobi, ma nutrendo il più profondo rispetto per chi vive anche con difficoltà la condizione omosessuale, non possiamo negare che proprio a partire dal 2002-2003 in Italia la lobby omosessuale ha cominciato a bombardarci mediaticamente. Non c'era fiction o serial televisivo che non vedesse la partecipazione di un personaggio "diverso", la pressione sul governo perché fossero adottati provvedimenti in materia di "matrimonio gay" cresceva sempre più, fino a giungere nel 2004 alla redazione della proposta di legge sui cosiddetti PACS (un acronimo contenente un riferimento anche troppo esplicito alla "pace" delle fantomatiche bandiere). Proprio come fino a qualche settimana fa, quando per autorizzare "moralmente" la legge sull'omofobia, i giornali e soprattutto le televisioni ci bombardavano con notizie di agguati anti gay ed atti omofobici di varia natura (tutti fatti spiacevoli ed infami, ma sui quali mai si era vista una tale concentrazione di attenzione mediatica - dato che purtroppo non si tratta di casi sporadici). E' altamente probabile che la diffusione di quelle bandiere facesse parte di un preciso atto di indottrinamento simbolico. Rendere certi vessilli accettabili e positivi agli occhi del "popolo" significa disinnescare potenziali opposizioni e scavalcare i pregiudizi morali.

Quel progetto dei "PACS" naufragò nei "DICO". Da allora molte bandiere sono scomparse dai balconi italiani, ma i Comboniani non hanno arretrato di un passo. Le bandiere dell'orgoglio gay in chiave pacifista continuano ad insidiare le nostre chiese e a costituire un vero e proprio "arredo sacro" della Casa del Signore. Quousque tandem?

In conclusione vorrei parlarvi di un film. Un film che molto probabilmente è costato caro al suo creatore, Stanley Kubrick. Parlo del famosissimo "Eyes Wide Shut" (occhi spalancati chiusi).
Kubrick morì (pare per attacco cardiaco) guardacaso pochi giorni prima di terminare il montaggio dell'opera.
Ad ogni modo, credo che quel film rappresenti la summa poetica ma anche ideale di un uomo dotato di una intelligenza fuori dal comune. Non è un film interessato al sesso o alla sessualità, come hanno spesso voluto farci credere. Si tratta invece di una acuta lezione sull'esistenza e l'attività di talune sette. Nel film ricorre la parola "rainbow" (arcobaleno) per designare l'ingresso in un'altra dimensione "over the rainbow"...
A questa accezione profondamente esoterica ed anticristiana accennava anche l'articolo dettagliatissimo di Fides, legando la nascita della bandiera alle dottrine teosofiche di Mme Blavatsky.

Alla luce di tutto ciò non sarà dunque opportuno eliminare ogni residua bandiera della pace dalle nostre chiese, magari spiegando ai propri parroci le ragioni evidenti dell'incompatibilità di questo simbolo con il Segno di Cristo che è la Croce?

venerdì 23 ottobre 2009

UN SOLO GREGGE UN SOLO PASTORE

Riemenschneider Tilman - Altare dell'Ultima Cena - Rothenburg, Sankt Jakob (1499-1505)

Articolo pubblicato su Petrus - www.papaweb.it

di Francesco Colafemmina

La decisione del Santo Padre di accogliere nel seno della Chiesa Cattolica alcuni gruppi di anglicani dissidenti rispetto a talune scelte della comunione anglicana (sacerdozio femminile e omosessuale), può essere letta seguendo un duplice registro.

Il giorno seguente la comunicazione ai media di questo storico evento, i giornali si dividono fra una lettura "ecumenica" ed un'altra più "tradizionale" o addirittura "tradizionalista". Da un lato, si dice, il Papa ha voluto accogliere questi anglicani "senza patria", ormai orfani della loro Comunione ed in aperto contrasto con essa a causa delle sue terribili aperture mondane. E lo avrebbe fatto non solo dando ascolto alle richieste del suddetto gruppo di anglicani (vescovi, ministri e fedeli), ma anche facendo seguito ai dialoghi ecumenici con la Comunione Anglicana per un progressivo riavvicinamento.

Dall'altro lato, invece, questo atto benevolo e paterno di Sua Santità è interpretato come un mezzo per unire la Chiesa Cattolica attorno alla "tradizione", integrando così "selettivamente" gruppi quali la FSSPX o la TAC (Traditional Anglican Communion), soltanto mirando al loro rispetto per la tradizione.

A questo punto bisognerebbe guardare ad una terza via: il Papa riconduce alla comunione con Roma quei gruppi di cristiani che riconoscono il primato petrino e credono fermamente nei dogmi e nel magistero della Chiesa Cattolica. Cosa c'è di più semplice?

Nonostante la retorica ecumenicistica e le vacue panzane dialogiche, è infatti evidente che il Santo Padre persegue quanto già espresso chiaramente durante la sua meravigliosa Omelia del 24 Aprile 2005, quando iniziava il ministero petrino:

"Vorrei qui rilevare ancora una cosa: sia nell’immagine del pastore che in quella del pescatore emerge in modo molto esplicito la chiamata all’unità. “Ho ancora altre pecore, che non sono di questo ovile; anch’esse io devo condurre ed ascolteranno la mia voce e diverranno un solo gregge e un solo pastore” (Gv 10, 16), dice Gesù al termine del discorso del buon pastore. E il racconto dei 153 grossi pesci termina con la gioiosa constatazione: “sebbene fossero così tanti, la rete non si strappò” (Gv 21, 11). Ahimè, amato Signore, essa ora si è strappata! vorremmo dire addolorati. Ma no – non dobbiamo essere tristi! Rallegriamoci per la tua promessa, che non delude, e facciamo tutto il possibile per percorrere la via verso l’unità, che tu hai promesso. Facciamo memoria di essa nella preghiera al Signore, come mendicanti: sì, Signore, ricordati di quanto hai promesso. Fa’ che siamo un solo pastore ed un solo gregge! Non permettere che la tua rete si strappi ed aiutaci ad essere servitori dell’unità!".

L'unità è però evidentemente intesa in un senso che sfugge ai commentatori e spesso agli stessi fedeli. Rileggiamo quanto affermava il Card. Ratzinger nel lontano 1986:

"Subito dopo l'attenuarsi del primo slancio conciliare, era affiorato il contromodello dell'ecumenismo «di base», il quale mirava a far sorgere l'unità «dal basso» se non era possibile farla discendere dall' alto. In questa concezione è giusto che l' «autorità» nella Chiesa non può realizzare nulla che non sia prima maturato nella vita della Chiesa, quanto a intelligenza ed esperienza di fede. Dove, però, non si faceva riferimento a questa maturazione, ma si andava affermando una divisione della Chiesa in «chiesa di base» e in «chiesa ministeriale», non poteva certo emergere una nuova unità di qualche rilievo. Un ecumenismo di base di questo genere crea alla fine soltanto dei gruppuscoli, i quali dividono le comunità, e tra loro stessi non realizzano un'unità più profonda, nonostante una propaganda comune di ampiezza mondiale. Per un certo lasso di tempo parve che le tradizionali divisioni delle chiese sarebbero state superate mediante una divisione nuova e che si sarebbero in futuro trovati contrapposti, da una parte dei cristiani «impegnati» in senso progressista e, dall'altra, dei cristiani «tradizionalisti», che avrebbero ambedue fatto adepti nelle diverse chiese finora esistenti. In tale ottica nacque allora il proposito di omettere del tutto dall'ecumenismo le «autorità», perché un eventuale accostamento o perfino unione su questo piano non avrebbe che rafforzato l'ala tradizionalista della cristianità e si sarebbe impedita la formazione di un cristianesimo nuovo e progressista.
Simili idee oggi non sono ancora del tutto spente, ma sembra tuttavia che il tempo della fioritura sia ormai alle spalle. Un'esistenza cristiana, che si definisce quanto all'essenza secondo i criteri dell' «engagement», è troppo labile nei suoi confini per poter alla lunga creare unità e generare solidità in una vita cristiana comune. Le persone perseverano nella chiesa non perché vi trovano feste comunitarie e gruppi di azione, bensì perché sperano di trovarvi le risposte a domande vitali indispensabili.Tali risposte non sono state escogitate dai parroci o da altre autorità, ma vengono da un'autorità più grande e sono fedelmente mediate e amministrate, semmai, dai parroci. Gli uomini soffrono anche oggi, forse ancora più di prima; non basta ad essi la risposta che viene dalla testa del parroco o da qualche «gruppo attivistico». La religione penetra oggi come sempre in profondità nella vita degli uomini per attingervi un punto di assoluto e, a tanto, serve solo una risposta che viene dall' assoluto. Là dove i parroci o i vescovi non appaiono più come i mediatori di quanto è assoluto anche per essi, ma hanno solamente da offrire le loro proprie azioni, è allora che diventano una «chiesa ministeriale» e, come tali, superflui."

E aggiungeva:

"Ma, stando così le cose, che cosa dobbiamo fare? In vista di una risposta mi è assai di aiuto la formula che Oscar Cullmann ha coniato per tutta la discussione: unità attraverso pluralità, attraverso diversità. Certamente la spaccatura è dal male, specie quando porta all'inimicizia e all'impoverimento della testimonianza cristiana. Ma se a questa spaccatura viene a poco a poco sottratto il veleno dell'ostilità e se, nell'accoglimento reciproco della diversità, non c'è più riduzionismo, bensì ricchezza nuova di ascolto e di comprensione, allora la spaccatura può diventare nel trapasso una felix culpa, anche prima che sia del tutto guarita. "

Questa "diversità nell'unità" affermata dal Cardinal Ratzinger non è tuttavia una sorta di "relativismo" interno all'unità ecclesiale, perchè si rapporta al contrario con l'unica Verità che è Cristo. Il Santo Padre allo stesso modo intende dimostrarci che il reintegro della comunità lefebvriana, come quello della comunione anglicana tradizionale sono evidenti gesti che tendono ad armonizzare ed arricchire la Chiesa alla luce della Verità di Cristo. Riunire le membra del Corpo Mistico, significa glorificare Cristo e procedere in armonia verso di Lui.
D'altra parte questa idea di ecumenismo cattolico, inteso quale ritorno alla Verità, quale accoglienza positiva e gioiosa (ricordate le parole dell'Omelia succitata!) delle pecorelle smarrite, non può non accadere grazie al Vicario di Cristo ed alla sua amorevole azione riconciliatrice, al suo ministero di unione paterna del popolo di Dio.

Svaniscono dunque decenni di tronfia ed insulsa retorica ecumenicistica, fatta di parole, abbracci, concelebrazioni, fondata sulle buone intenzioni ma raramente su saldi ed autentici principi. Svaniscono semplicemente perchè costantemente vissuti quali tentativi di minimizzazione e negazione delle differenze e delle divisioni che tuttora sussistono, come se snaturando la propria identità fosse più semplice il dialogo e la ricerca di unità.
No. L'unita è appunto frutto di una ricerca, di un percorso comunitario di necessario e volontario ritorno all'unità. E quell'unità non può che consistere nella stessa Chiesa Cattolica e Pietro. Non è la Chiesa Cattolica ad aver negato l'unità di Anglicani, Lefebvriani e Protestanti. La Chiesa Cattolica è stato il seno da cui sono emerse realtà scismatiche o più semplicemente nel caso della Fraternità San Pio X, realtà fedeli a Pietro che hanno però leso l'unità ponendo in essere l'atto scismatico dell'ordinazione episcopale senza mandato pontificio.

Come dichiarava nel 2006 l'Arcivescovo John Hepworth della Traditional Anglican Communion, a proposito dell'ordinazione di donne sacerdoti: "nello stesso momento le grandi dottrine della Creazione, Incarnazione e Redenzione sono negate. La vita sacramentale della Chiesa, attraverso la quale Gesù porta la grazia salvatrice della redenzione di ciascuno di noi, diventa oggetto di sospetto ed incertezza. Mettere una donna sacerdote in una diocesi è sempre una "rottura della comunione", perchè rende l'atto autentico della comunione impossibile". Se dunque sono queste le ragioni "essenziali" del ritorno al Cattolicesimo della comunione anglicana tradizionale, come si può continuare a parlare di un vago "ecumenismo" decontestualizzato ed imcomprensibile? Come si può affermare che i fedeli della TAC sarebbero semplicemente dei "fuori posto" nell'anglicanesimo e pertanto li si stipa oggi nelle fila dei cattolici, quasi come accadeva alle popolazioni balcaniche quando agli inizi del secolo scorso gruppi etnici venivano scambiati fra una nazione e l'altra di quella tormentata regione?

La realtà è invece un'altra. La Traditional Anglican Communion ha serenamente e coerentemente basato il suo avvicinamento a Pietro ed alla Chiesa Cattolica sui fondamenti della Dichiarazione di Saint Louis del 1977: fedeltà ai dogmi, fedeltà alla morale, fedeltà alla tradizione. Principi che già furono ribaditi quali cardini di un percorso ecumenico da Papa Paolo VI e dal Primate Anglicano Ramsey nel 1966: "Quam mutuam necessitudinem fovere ac provehere volentes, proponunt, ut inter Ecclesiam Catholicam Romanam et Communionem Anglicanam sedulo instituantur colloquia, quorum veluti fundamenta sint Evangelium et antiquae Traditiones utrisque communes, quaeque ad illam unitatem pro qua Christus oravit, in veritate perducant."

Diceva quindi la loro dichiarazione congiunta: "siano considerati quali fondamenti dei colloqui fra Chiesa Cattolica Romana e Comunione Anglicana il Vangelo e le antiche Tradizioni (con la T maiuscola) ad entrambe comuni, perchè conducano nella verità a quella unità per la quale Cristo pregava".

Oggi però si adempie non solo la preghiera del Signore, ma anche il paterno e benevolo auspicio del grande Papa Leone XIII! Infatti fu egli nella Bolla Apostolicae Curae nell'anno 1896 ad affermare, dopo aver dichiarato invalide le ordinazioni compiute con il rito anglicano, quanto segue:

"Rimane questo: con lo stesso nome e con lo stesso animo del "grande pastore" con cui ci siamo adoperati per dimostrare la verità assoluta di una realtà così importante, vogliamo dare coraggio a coloro che con volontà sincera desiderano e ricercano i benefici degli ordini e della gerarchia. Forse fino ad ora, pur ricercando l'ardore della cristiana virtù, riflettendo più devotamente sulle divine Scritture, raddoppiando le pie preghiere, si sono tuttavia arrestati, incerti e inquieti, di fronte alla voce di Cristo che già da tempo esorta interiormente. Vedono già esattamente che Colui che è buono li invita e li vuole. Se ritornano al suo unico ovile conseguiranno veramente sia i benefici richiesti, sia i rimedi della salvezza che ne conseguono, e di cui egli stesso ha fatto ministra la chiesa, quasi custode perpetua e amministratrice della sua redenzione fra le genti. Allora veramente "attingeranno l'acqua con gioia dalle fonti del Salvatore", i suoi meravigliosi sacramenti; da questi le anime fedeli, rimessi veramente i peccati, sono restituite all'amicizia di Dio, sono nutrite e rafforzate con il pane celeste, e con gli aiuti più grandi pervengono al raggiungimento della vita eterna. Assetati realmente di tali beni, "il Dio della pace, il Dio di ogni consolazione", voglia benigno con questi ricolmarli e appagarli. Vogliamo poi che la Nostra esortazione e i Nostri desideri riguardino soprattutto coloro che sono considerati ministri della religione nelle loro comunità. Gli uomini che per l'ufficio stesso sono superiori in dottrina e autorità, e ai quali senza dubbio sta a cuore la gloria divina e la salvezza delle anime, vogliano mostrarsi particolarmente alacri e obbedire a Dio che chiama, e dare di sé un chiarissimo esempio.
Certamente la madre chiesa li accoglierà con gioia specialissima e li abbraccerà con ogni bontà e con ogni cura, perché una più generosa forza d'animo li ha ricondotti al suo seno attraverso ardue difficoltà. Per tale forza, è impossibile dire quale lode sia loro riservata nelle assemblee dei fratelli per l'orbe cattolico, quale speranza e fiducia davanti a Cristo giudice, quali premi da lui nel regno celeste! Noi poi, per quanto sarà possibile, con ogni mezzo, non cesseremo di favorire la loro riconciliazione con la chiesa; dalla quale e i singoli e gli ordini, cosa che desideriamo con forza, possono prendere molto per imitarla. Frattanto preghiamo tutti e supplichiamo per le viscere di misericordia del nostro Dio affinchè cerchino fedelmente di assecondare l'abbondante flusso della verità e della grazia divina."

Grazie dunque a Sua Santità Benedetto XVI per questo grande dono che ci ha elargito accogliendo nella Chiesa tanti nuovi fratelli e sorelle nel Signore che con gioia abbracciamo e cui va il nostro amorevole benvenuto!

giovedì 22 ottobre 2009

LE ALLEGRE TRADUZIONI DELLA NUOVA BIBBIA CEI



di Francesco Colafemmina

La nuova traduzione della Bibbia operata dalla CEI è un esempio lampante di elevata attitudine ermeneutica, crassa asinità o piuttosto di maliziosa imperfezione?
Già quell'immagine in copertina mi aveva fatto sospettare che ci fosse del "marcio in Danimarca", è stata tuttavia la segnalazione di un'attenta lettrice a fornirmi la prova lampante.

Andiamo a Luca 1,38: il testo latino suona così "Ecce ancilla Domini, fiat mihi secundum verbum tuum". Nella nuova versione CEI è tradotto in questo modo: "Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola".
Avvenga "per me"? Cosa implica questa traduzione erronea? Implica una trasformazione evidente del dogma dell'Incarnazione. L'Incarnazione avviene grazie all'obbedienza supina di Maria al Signore, alla sua accettazione di quanto l'Arcangelo Gabriele le aveva detto. Trasformare l'accettazione "avvenga di me, mi accada" in una dimensione di strumentalità di Maria (avvenga per mio mezzo, grazie a me, tramite me), significa privare la Vergine della sua compartecipazione alla Salvezza. Maria è Corredentrice! Il titolo discusso (perchè ecumenicamente inconcepibile da parte del mondo protestante) di Maria Corredentrice è stato ampiamente analizzato da Padre Stefano Maria Manelli, fondatore dei Francescani dell'Immacolata, in questo scritto qui linkato.

Veniamo però all'attività dei traduttori asinini della CEI. Partiamo dal testo greco originario. Qui le parole di Maria Santissima sono : "ιδού η δούλη Κυρίου, γένοιτό μοι κατά το ρήμά σου" cioè "ecco la serva del Signore, avvenga di me secondo il tuo verbo." Verbo non nel senso di "logos", quindi inteso come "concetto, pensiero esprimibile con segni verbali", ma nel senso di "parlato", "detto", conseguenza dell'azione verbale. Quindi "mi succeda quello che tu hai detto", oppure: "avvenga di me secondo quanto hai affermato".
D'altra parte i caproni traduttori dovrebbero (dopo essersi nascosti col cappello d'asino dietro la lavagna) ricordare che in Gen. 44.17 Giuseppe afferma: "μή μοι γένοιτο ποιῆσαι τὸ ρῆμα τοῦτο" ovvero "che non mi accada di fare una simile azione". Il contesto di Genesi 44.17 gioca attorno alle medesime parole e i medesimi concetti... "il servo del Signore" è presente anche lì come espressione tipica. I settanta usavano la stessa espressione "genoito moi" legata a "rhma sou".

Non basta, però! Andando un po' a ritroso, si può anche notare che Gabriele direbbe a Maria "Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio." Questa traduzione è erronea, quella autentica è "e perciò il santo nascituro sarà chiamato Figlio di Dio." La santità e l'identità con il Figlio di Dio sono elementi connaturati e non accezioni separate, ma soprattutto il nascituro è già santo, non lo diverra!!! Evidentemente gli asini hanno spostato il futuro di "nascerà" al concetto della santità. Invece è vero che il Signore nascerà ma la Sua essenza è già santa "quod sanctum", prima ancora di nascere!
A questo punto non stupirà l'esito di una analisi iconografica della copertina della nuova edizione CEI. Cosa rappresenta? Un ramoscello che emerge dalla terra e sottoterra vi sarebbe una stella ad otto punte...il tutto assume la forma di una croce rovesciata... Molto interessante! Ma cosa c'entra questa simbologia col Cristianesimo?
Per chi come me ha affrontato lo studio delle opere d'arte esoteriche della chiesa di Renzo Piano a San Giovanni Rotondo, non sarà difficile riconoscere nel ramoscello il ramo dell'acacia massonica e nella stella ad otto punte la rappresentazione simbolica del pianeta Venere nella sua accezione di Lucifero (apportatore di luce). L'identità del ramoscello con le spillette diffusissime fra i Massoni non lascia spazio a dubbi. D'altra parte per chi volesse approfondire basta leggere qui.

Prima sulle Bibbie si stampava una grossa croce, oggi invece preferiscono apporre simboli massonici ed una bella copertina blu muratorio... Segni dei tempi?
Non vorrei sembrare un passatista, tuttavia ricordo ancora un articolo dello storico Sergio Luzzatto (quello che ce l'aveva con Padre Pio) il quale in occasione della pubblicazione della nuova Bibbia Cei ricordava che dopo la Controriforma le Bibbie in lingua volgare venivano messe al rogo. Paradossalmente a distanza di qualche secolo quell'ingiunzione tridentina sembrerebbe ancora attuale. D'altra parte, alla luce delle loro eresie, le traduzioni CEI non sarebbero forse più adatte a ravvivare i nostri caminetti che a traviare la nostra fede?

mercoledì 21 ottobre 2009

SUL SONDAGGIO DI MESSAINLATINO

di Francesco Colafemmina

Quando il 7 Luglio del 2007 fu pubblicato il Motu Proprio Summorum Pontificum, furono in molti a stracciarsi le vesti, novelli Caifa cattolici. A dire il vero strapparono quei cenci che tuttora indossano, abitini senza infamia e senza lode, segni di una diffusa sciatteria esteriore divenuta ormai sinonimo di presunta ricchezza interiore.

In quei giorni si levava un po' stridula e lagnosa la voce di fratel Enzo Bianchi, priore stereofonico di Bose che si atteggia a prete ma prete non è. Stereofonico anzitutto perchè Bose è nota casa produttrice di casse acustiche, e in secondo luogo perchè la sua voce riecheggia praticamente in tutti i mezzi di comunicazione cattolica e non.
Ebbene il fratel Enzo, l'onnipresente e onnipredicante priore stereofonico (e cacofonico), dalle colonne di Repubblica si stracciava le vesti immacolate del suo monastero ecumenico accusando il Papa di aver introdotto con la liberalizzazione del Rito Antico, un periodo di grande conflitto in seno alla Chiesa.
Ecco come iniziava il suo saccente lamento: "Molto atteso dai pochissimi cattolici "tradizionalisti" e molto temuto dai vescovi e dalle chiese locali, è stato promulgato, dopo molte dilazioni indicatrici di incertezze, il "motu proprio" Summorum Pontificum che "liberalizza" il rito della messa vigente prima della riforma liturgica."

Sin dall'incipit il priore indicava che i cattolici in attesa della "messa in latino" erano pochissimi e per giunta tradizionalisti. Per proseguire accennando ad una ipotetica indecisione del Papa nella sua scelta di liberalizzare il rito antico.
In queste poche righe di fra' Enzo c'è la summa ideologica dei detrattori della tradizione liturgica della Messa di San Gregorio Magno:

a. E' una messa che interessa a pochissimi cattolici;
b. Interessa per giunta solo ai tradizionalisti identitari (dunque dei deprecabili pasdaran)
c. E' frutto di una "politica" ecclesiale erronea promossa dall'attuale Pontefice.
d. Instaura un conflitto fra i pochissimi cattolici e i loro Vescovi e rispettive Conferenze Episcopali.

Il sondaggio realizzato dagli amici di Messainlatino.it ha definitivamente smentito il principio, il primum movens di questa summa ideologica. I cattolici ai quali interessa il Rito nella sua forma straordinaria non sono nè pochi nè tantomeno pochissimi: sono al contrario numerosi!
Da ciò ne discende l'automatica inconsistenza del secondo punto: se il Rito Antico interessa a numerosi cattolici italiani è logica conseguenza che essi non possano essere esclusivamente dei "tradizionalisti". Quanto al punto c. è una inferenza erronea ed una grave mancanza di rispetto nei confronti del Santo Padre. Il punto d. è invece vero ma andrebbe letta in un altro modo: non sono i cattolici ad essere in contrasto con i propri Vescovi, ma proprio questi ultimi a disobbedire al Papa.

Povero fratel Stereofonico! Gli si saranno rizzati i peli del barbone alla frate Indovino nel leggere i risultati del sondaggio Doxa! E sarà stato in buona compagnia assieme a Vescovi e pseudoteologi d'accatto tanto in voga in questi tempi di contestazione ecclesiale neosessantottina.
Sembra infatti di vivere oggi tutti i conflitti irrisolti di quarant'anni fa. Tutto ciò che fu occultato, nascosto, messo a tacere dalla predominante voce dei dissidenti e dei "neoterici" oggi riemerge poderosamente e riacquista un senso. Oggi la Chiesa vive un sotterraneo conflitto "ideologico" assai simile a quello dell'era pre e postconciliare. Con una differenza fondamentale: le forze in campo sembrano invertite. Non è più il mondo progressista, hegeliano ed imbevuto di ideologia umanitaria a dettar legge. Ma non lo è neppure l'estremismo "tradizionalista", ove con questo termine si voglia intendere quella fazione ancorata ad un becero passatismo revanscista.

E' il popolo di Dio, invece, è la gente semplice a reclamare una Chiesa che ritorni alla sua missione, a reclamare preti che siano dediti al sacerdozio, chiese che abbiano l'aspetto di case del Signore, messe che non si trasformino in nauseabondi teatrini o spettacoli di deprimente umanità, bensì in grado di introdurre l'uomo al Mistero!

Troppi esponenti di una certa gerarchia autoreferenziale o personaggi che si nutrono dell'eco dei propri fumosi discorsi, come appunto fratel Stereofonia hanno perso di vista il rapporto essenziale e fondamentale della Chiesa gerarchica con i fedeli, accusando sempre più spesso questi ultimi di ignoranza ed impreparazione alla vera fede. Il popolo di Dio è al loro cospetto di cattolici adulti un semplice popolo di bambini nella fede. Ma è proprio questa fanciullezza, questa autenticità intesa quale identità e ritorno all'autentico ovvero al Signore, a rendere il popolo di Dio nella sua connaturata attitudine alla devozione ed all'adorazione del Signore, detentore di una verità naturale che ai tanti Caifa paludati sfugge completamente.

Personalmente in questi ultimi anni ho cercato di sondare molti fedeli semplici riguardo al loro interesse per il Rito Tridentino. E preciso di averlo fatto non perchè sia un talebano della Messa in Latino, nè tantomeno un tradizionalista di ferro, bensì perchè credo che ciò che ci giunge dal passato abbia in sè maggiori verità di ciò che nasce nel presente. Le risposte sono sempre state le stesse: la Messa di San Gregorio Magno è amata perchè è solenne, composta, severa, converte nei gesti alla grandezza del Signore. Il fedele è indotto a comprendere che in quel luogo sta per avvenire un fatto straordinario, un vero e proprio miracolo che ogni giorno accade in tutte le chiese del mondo!
E poi per molti il Rito Antico rappresenta una opportunità di crescita spirituale perchè favorisce il raccoglimento, evita le distrazioni, induce a dedicare quel tempo solo al Signore.

Se ci sono delle remore da parte dei fedeli esse sono insite in due aspetti: uno legato alla comodità che ormai sembra aver pervaso ogni aspetto della nostra esistenza e l'altro legato alla comprensibilità. Si dice: "la messa è troppo lunga!" oppure "però dobbiamo inginocchiarci per tutta la sua durata!". Ma anche: "peccato che non si capisca molto!".
A questo punto interviene però la necessaria capacità dei sacerdoti di aiutare il popolo di Dio a riscoprire le buone abitudini. Il tempo che magari si dedicava a tante inutili chiacchiere paraecclesiastiche oggi lo si può dedicare al Rito Tridentino, così come è il sacerdote che deve spiegare la necessità dell'ascolto in ginocchio, quale segno visibile del rispetto per il Signore: forse non usa più inginocchiarsi dinanzi all'amata... ma che almeno possiamo dimostrare al Signore il segno della nostra piccolezza e della servitù che gli dobbiamo!
Quanto poi alla comprensione sta sempre ai sacerdoti evitare che Vangelo ed Epistola siano letti in fretta e furia, ed agevolare la comprensione del rito fornendo adeguati libretti bilingue ed eventuali volantini con Antifone, Epistola e Vangelo in lingua volgare.
Su questo aspetto le principali carenze sono dunque da imputare massime al clero che non solo ha ostacolato e continua ad ostacolare la diffusione del rito nella sua forma straordinaria, ma continua a violare la corretta applicazione del Motu Proprio. Se infatti non è il clero per primo a convincersi della bontà del dono di Sua Santità, i vari Caifa Bianchi potranno apertamente continuare a sostenere che il rito antico è un affare "privato": chiesto da gruppi di fedeli e non oggettivamente inserito nella vita liturgica della Chiesa Universale. Ed è altresì vero che spesso il Rito Antico finisce per diventare davvero appannaggio di gruppetti che non sono alla ricerca di una autentica crescita spirituale e dell'esclusiva adorazione del Sigore, bensì più spesso mossi - dobbiamo pur confessarlo - da una sorta di "moda" integralista o da mera adulazione nei riguardi di Sua Santità. Viene così da chiedersi infatti dove fossero i tanti promotori ecclesiali della Messa di San Gregorio Magno solo pochi anni fa e come mai il grande coraggio di cui vorrebbero dar segni oggi, non l'abbiano dimostrato in passato. Ma tant'è. Meglio l'amore per la tradizione che per il vacuo e roboante abusivismo liturgico.

Purtroppo al fondo la realtà è che i tanti Enzo Bianchi sparsi nell'Episcopato italiano e non, hanno una precisa strategia che consiste nell'adulare il Papa a parole per poi esprimere la propria ribellione negli atti. Camaleontici ed ipocriti sono in molti i membri del clero cattolico che invece di raccogliere l'invito mite e paterno del Santo Padre, il quale ha liberalizzato il Rito Antico anche per le messe private, lo ignorano o remano contro. Di questo ne daranno conto dinanzi ad un Giudice meno mite del Santo Padre!

Come si concludeva, d'altra parte, l'articolo di fratel Cacofonia? Lo ricordo a chi non l'avesse letto:
" La stragrande maggioranza dei vescovi e intere conferenze episcopali nazionali e regionali, anche italiane, hanno manifestato la loro opposizione a questo provvedimento, ma ora nell' obbedienza e per amore della chiesa dovranno discernere come compaginare la comunione che è sempre innanzitutto comunione liturgica. I vescovi non smettano di chiedere a quanti vogliono praticare la messa di Pio V un' accettazione del concilio e della sua riforma liturgica come legittima e conforme alla verità e alla tradizione cattolica: le espressioni possono essere diverse, ma uno è il vescovo e il presbiterio attorno a lui. L'unità non può essere realizzata a qualsiasi prezzo, né a prescindere dall' autorità del vescovo in comunione con il papa. "

In questa conclusione c'è il disvelamento dell'inganno che prosegue ormai da due anni: fratel Enzo unisce pertanto l'opposizione al Motu Proprio alla legittimazione della comunione al Papa dei Vescovi. Inferisce arbitrariamente che i fedeli partecipanti al Rito nella sua forma straordinaria debbano essere quasi per necessità dei detrattori del Concilio e pur salvando il Papa gli nega obbedienza, esortando i vescovi ad un intervento espressamente vietato dallo stesso Motu Proprio. In questa esemplare esposizione di maldestro bifidume è contenuto il manifesto degli oppositori al Motu Proprio, di coloro che lo hanno boicottato sin dall'inizio. Una intellighentzia organizzata di reduci ideologizzati. Una casta intellettualoide che accresce giorno dopo giorno la propria distanza dal cuore del popolo dei fedeli, manipolando i fatti di fede e la stessa liturgia con i tipici argomenti della faziosità ideologica.

Per fortuna il sensus communis dei fedeli cattolici ha smentito ancora una volta questa decadente classe di intellettualoidi stereofonici. Il sondaggio di Messainlatino non rappresenta, come nel caso di Bose e affini, una voce che ha bisogno di amplificazione per affermarsi. E' invece specchio di una realtà naturale composta da tantissimi e semplici fedeli! Una realtà che nella sua verità sembra aver già ridotto al silenzio la tronfia stereofonia progressista e neoterica.

martedì 20 ottobre 2009

SULL'ANTROPOCENTRISMO DELLA CHIESA CATTOLICA


di Francesco Colafemmina

Ormai lo sappiamo da tempo: la nostra Chiesa sembra aver rinunciato non solo all'affermazione della propria identità e verità che in essa necessariamente coincidono, bensì semplicemente al rispetto per se stessa, al rispetto per la propria storia, al rispetto per il Signore.

Una Chiesa che invece di evangelizzare consente ed agevola i culti non cristiani o i culti cristiani ma scismatici è l'adunanza (ekklèsia) di chi non crede più all'assoluta e logica Verità della propria fede, ma è pronto a relativizzarla costantemente in rapporto all'allòthriscos (colui che crede in un'altra religione). Questo genere di Chiesa a cosa è destinata se non alla completa scomparsa, alla morte per inedia, alla lenta ma progressiva inanizione, per far posto ad altre religioni più affermative e certe delle proprie verità di fede?

Purtroppo la Chiesa Cattolica è in parte vittima di se stessa e in parte vittima del "mondo". Essa vive infatti in un Occidente che di una malintesa "tolleranza" ha fatto l'esclusiva bandiera ideologica della modernità. Tolleranza nutrita da un massonico spirito laicista che come alle soglie del novecento, così ancor oggi riverbera nelle teste vuote di taluni politici nostrani. Su cosa si fonda la tolleranza? Da Locke in poi essa è intesa quale metodo di reciproco rispetto di fedi tra di esse discordanti, e netta separazione fra il potere dello Stato e quello religioso. Nelle sue evoluzioni il concetto di tolleranza è finito per diventare un'arma micidiale nei padri rivoluzionari francesi: tolleranza è infatti anche l'intolleranza di tutto ciò che viene tacciato di intolleranza! Il gioco di parole è un peccato veniale, ma la sostanza è chiara: il tollerante può esser tale fino a quando non incontra ciò che egli stesso definisce "intolleranza". A questo punto il tollerante dismette la propria veste di superiore equanimità e si arma per distruggere l'intolleranza. Nel mondo attuale il criterio con cui viene identificata l'intolleranza è banale e furbesco, se non proprio vile ed indegno. Tutto ciò che si proclama vero ed assoluto è inteso come una "minaccia" alla convivenza pacifica fra gli uomini - secondo un adagio prettamente massonico. Eradicare tali minacce è dunque scopo specifico dell'autorità politica, garante della "convivenza pacifica" fra gli uomini.
Ne risulta l'evidenza immediata di una identità fra religione e intolleranza. Dunque la religione, così come lo "spirito della tradizione" ovvero tutti gli atti e le credenze, ma anche i semplici comportamenti che l'uomo ha assunto grazie ad una tradizione culturale necessariamente identitaria (ovvero costitutrice di una chiara identità umana), sono da considerarsi focolai di intolleranza e minaccia sociale. Vanno pertanto debellati senza pietà!

Peccato però che tale miope e strumentale tolleranza (è servita negli ultimi due secoli a talune elites per accaparrare il proprio potere economico e sociale sui popoli che progressivamente sottomettevano al democraticismo oclocratico occidentale) finisca per essere vittima della sua medesima miopia. Abbiamo così la necessità di tollerare anche tutte le minacce che giungono dall'esterno della nostra cultura. Dobbiamo pertanto tollerare e proteggere culture e tradizioni che negano radicalmente non dico solo il concetto del rispetto reciproco ma la possibilità dell'amorevole convivenza fra popoli di diversa fede.

Il potere laicista occidentale deve oggi sottostare ad esempio alla convivenza forzata con l'invadente e crescente ondata islamica, ma pare non preoccuparsene. Ha già infatti la consapevolezza (magari un po' utopica) che l'Islam ed il mondo islamico saranno definitivamente corrotti e distrutti dal sistema consumistico e materialista occidentale. Nello stesso tempo tuttavia persegue la necessaria apertura "tollerante" all'Islam quale grimaldello per scalzare, ammorbidire, piegare ed eludere la presenza cristiana cattolica in Europa. Così recentemente la lobby massonico laicista finiana si è unita alla lobby "socialista" (nel senso di fautrice della dottrina sociale della Chiesa) vaticana per proclamare la necessità di un'ora di religione islamica nelle scuole italiane.

La Chiesa partecipa ormai con grave, ma apparentemente serena, dedizione a tale progetto di demolizione della propria presenza in Occidente, e di pressante indebolimento culturale e fideistico. Una Chiesa totalmente votata al mondo non comprende più il senso della propria missione e si trasforma in mera onlus, o agenzia umanitaria. O addiritttura in complice del progetto laicizzatore e deculturalizzante delle elites al potere in Occidente, magari con la scusa di un vacuo quanto esangue ecumenismo d'annata.
D'altra parte anche la propria "missione sociale" la Chiesa la ha abbandonata da tempo... E' totalmente incapace di svolgerla se non attraverso i canoni tipici delle onlus e delle Ong. Andate in giro per Roma, ad esempio, e guardate quanti senza tetto, quanti "barboni" (italiani), giacciono abbandonati lungo le strade che conducono alla Stazione Termini. Guardate tutta quell'umanità disperata ed abbandonata a se stessa. Nonostante i grandi sforzi della Caritas e di tanti sacerdoti dediti all'aiuto dei più sfortunati, nelle strade delle nostre città permangono ed aumentano le presenze di nostri fratelli abbandonati. Il tutto mentre la Chiesa gestisce con disinvoltura miliardi di euro in immobili ed altre ricchezze, senza neppure pagare l'ICI allo Stato Italiano che la foraggia con l'8 per mille...

In questo desolante e riprovevole contesto non stupirà la lettura dell'articolo in fotografia. A Ravenna una ex chiesa cattolica viene ceduta agli Ortodossi Russi. Costoro nel giorno della "benedizione" della chiesa divenuta "ortodossa" non hanno neppure invitato l'Arcivescovo Cattolico Verrucchi. Anzi, si sono divertiti ad attaccarlo perchè colpevole di non aver gli consegnato per tempo un luogo da adibire al culto. Come se fosse esclusivo compito della Chiesa Cattolica quello di rifornire sempre e comunque protestanti, ordotossi, ebrei e islamici di luoghi di culto! A dire il vero dalla lettura dell'articolo risulta che quella chiesa era già stata venduta dalla Curia ad un privato (roba da brivido!), e poi la Chiesa Ortodossa Russa l'avrebbe acquistata da questo privato. In questa compravendita di chiese la Chiesa Cattolica emerge quale attore indifferente e desacralizzato, capace di vendere addirittura i propri luoghi sacri dopo averli opportunamente sconsacrati. Ma non finisce qui!
L'Archimandrita Padre Marco Davitti si è divertito ad accusare variamente la Chiesa Cattolica, colpevole di evangelizzare i Russi, ma anche di aver ormai acquisito una dimensione "antropocentrica". Ed ha aggiunto: "la messa attuale cattolica è la Deutsche Messe dei Luterani. Con la comunione nelle mani. Tutti applaudono al papa, però nessuno gli obbedisce, nemmeno i vescovi. Il culto dei cattolici è ridotto a tre chitarrine e a canzoncine protestanti, il culto cattolico è ormai antropocentrico."

Come dargli torto? Anche a Bari da anni una delle più belle chiese del centro storico è stata sconsacrata ed adibita ad auditorium per piccoli concerti... mentre nella Basilica Pontificia di San Nicola è consentito agli Ortodossi Russi di celebrare in cripta ma è severamente vietata la celebrazione secondo la Forma Straordinaria del Rito Romano. Ma gli esempi ormai sono innumerevoli in tutta Italia. Se non è antropocentrismo questo...

venerdì 16 ottobre 2009

ORISTANO: LA CATTEDRALE SENZA ALTARE...




di Francesco Colafemmina

In questo video potrete vedere l'Assessore Regionale alla Pubblica Istruzione e Beni Culturali, Maria Lucia Baire della Regione Sardegna, mentre osserva la Cattedrale di Oristano privata dell'Altare Maggiore. E' vergognoso che la voce del commentatore (un funzionario della Diocesi) affermi testualmente: "....pertanto l'assenza dell'antico altare marmoreo permette uno sguardo unico e d'insieme, i due spazi risultano uniti e senza soluzione di continuità".

Quali sarebbero i due spazi? Presbiterio e "aula liturgica"? E dov'è scritto che questi due spazi debbano essere uniti? Se il Presbiterio è il luogo sacro per eccellenza, come ribadito dalla presenza delle balaustre, il luogo più vicino al Signore, il resto della chiesa è il luogo dell'adunanza del popolo del Signore. La differenza è necessaria ed imprescindibile per una Religione che crede nell'aldilà e crede che il Regno dei Cieli sia il vero regno di Cristo.

D'altra parte nelle chiese orientali l'Iconostasi è quella "parete ricoperta di icone" che separa ed introduce al luogo Sacro. Non si vede perchè le nostre chiese debbano invece diventare un tutt'uno, insomma un unico luogo nel quale nulla separi l'uomo dal Sacro. Dunque un ambiente umano e non più divino, in cui la partecipazione dell'uomo al Mistero non sia mediata e significata dalla gerarchia degli spazi, bensì in cui essa venga totalmente negata.

D'altra parte oggi le balaustre si vendono su Kijiji, come potete vedere qui sotto (ma i Carabinieri perchè non intervengono?) per 5.500 €!


Chissè che un domani su qualche sito di vendita online non ci troviamo proprio le balaustre della Cattedrale di Oristano. Per ora dobbiamo invece accontentarci dell'ambiguità e della perversa modalità di trasmissione di un chiaro messaggio, manifestata dalla Curia Vescovile: "vedete che bella la Cattedrale senza altare? Non la preferite così? Ha riacquistato respiro, senza quell'inutile altare... per ora lo restauriamo, ma dopo che facciamo? Lo rimettiamo a posto? Non è meglio se utilizziamo solo la sua base a mo' di altare postconciliare? Per ora ci pensiamo... ma che bello questo spazio senza soluzione di continuità!".

LITURGIA FRA MUTABILITA' E IMMUTABILITA'


di don Matteo De Meo

La Costituzione Sacrosanctum Concilium del Vaticano II subito dopo aver affermato il desiderio di una riforma generale della liturgia, ne evidenzia la natura essenziale.
Nel Proemio ribadisce subito che essa si radica nel mistero della Chiesa pellegrina nel tempo : «...tutto questo in modo tale, però, che ciò che in essa è umano sia ordinato e subordinato al divino, il visibile all’invisibile, l’azione alla contemplazione, la realtà presente alla città futura, verso la quale siamo incamminati. ...» (SC, 2).
Per cui la sua natura è essenzialmente misterica (umano-divina).

Poi prosegue chiarendo ulteriormente:«...Questa infatti consta di una parte immutabile, perchè di istituzione divina, e di parti suscettibili di cambiamento, che nel corso dei tempi possono o addirittura devono variare, qualora si siano introdotti in esse elementi meno rispondenti alla intima natura della liturgia stessa, oppure queste parti siano diventate non più idonee. ...» (SC, 21).In seguito precisa anche il criterio con cui queste “eventuali” variazioni, -che non riguardano la natura immutabile della liturgia- devono avvenire: «...l’ordinamento dei testi e dei riti deve essere condotto in modo che le sante realtà che essi significano, siano espresse più chiaramente e il popolo cristiano possa capirne più facilmente il senso e possa parteciparvi con una celebrazione piena, attiva e comunitaria...» (SC, 21) e in che senso è da attuarsi un “innovazione” se non in connessione con la “sana Tradizione”: «...non si introducano innovazioni se non quando lo richieda una vera e accertata utilità della Chiesa, e con l’avvertenza che le nuove forme scaturiscano organicamente, in qualche maniera, da quelle già esistenti...» (SC, 23).

Si delineano subito tre elementi che devono essere tenuti in assoluta considerazione per una riforma liturgica autenticamente attenta allo spirito del Concilio:

-la natura essenzialmente misterica: il primato è di Dio che agisce, è della grazia;
-l’immutabilità della “intima natura” della liturgia come paradigma di quelle eventuali parti variabili, finalizzate ad esprimere “più chiaramente quelle sante realtà che significano”;
-il criterio di continuità con la Tradizione come terreno naturale da cui “le nuove forme” devono organicamente scaturire.

Quindi un progresso che deve avvenire -come è sempre stato nella storia della liturgia- con una logica di continuità e non di rottura con il passato.

giovedì 15 ottobre 2009

mercoledì 14 ottobre 2009

QUANDO IL PAPA VA IN SINAGOGA...

di Francesco Colafemmina

Questa lobby ha assunto sempre più toni prepotenti ed una evidente supremazia suasoria e minatoria sulla Santa Sede, tanto che ormai, al fine di rimarcare la bontà intrinseca dell'esser cristiani, è diventato opportuno affermare costantemente l'intolleranza nei riguardi di antisemitismo, negazionismo e riduzionismo. Insomma il male magno dell'essere umano sembra essersi condensato in questi concetti enormi che racchiudono l'essenza dei rapporti fra mondo ebraico e restante umanità. Lasciando stare il negazionismo ed il riduzionismo, concentriamoci sul primo e onnipervasivo elemento, l'antisemitismo. Cos'è dunque l'antisemitismo? Ripeschiamo la dichiarazione internazionale dell'OCSE che definisce così l'antisemitismo:

“l’antisemitismo è un certo modo di vedere gli ebrei, che può essere definito odio nei confronti degli ebrei. Le manifestazioni fisiche e retoriche dell’antisemitismo sono dirette a soggetti ebrei e non ebrei e/o alle loro proprietà, alle istituzioni della comunità ebraica e alle strutture religiose"

Che vuol dire? Tutto e il contrario di tutto!

In una spiegazione dettagliata della cosiddetta "working definition of Anti-semitism" il quotidiano Haaretz riportava nel 2007 le seguenti esemplificazioni concettuali:

a)Invocare, aiutare, o giustificare l'uccidere od il nuocere agli Ebrei in nome di un'ideologia radicale o di una visione estremista della religione;
b)Rivolgere accuse false, disumanizzanti, demonizzanti o stereotipiche sugli Ebrei in sé o sul potere degli Ebrei come collettivo - tra cui, ma non solo, il mito di un complotto ebraico globale o del fatto che gli Ebrei controllerebbero i media, l'economia, il governo, od altre istituzioni sociali;
c)Accusare gli Ebrei come popolo di essere responsabili di torti reali od immaginari commessi da un singolo ebreo o da un singolo gruppo di Ebrei, o addirittura di atti commessi da non-Ebrei;
d) Negare il fatto, la portata, i meccanismi (per esempio, le camere a gas) o l'intento del genocidio del popolo ebraico da parte della Germania nazionalsocialista e dei suoi sostenitori durante la Seconda Guerra Mondiale (negazione dell'olocausto);
e) Accusare gli Ebrei come popolo, od Israele come stato, di aver inventato od esagerato l'Olocausto;
f) Accusare i cittadini ebrei di essere più leali ad Israele, od alle asserite priorità degli Ebrei del mondo, che agli interessi dei loro propri paesi.
Esempi del modo in cui l'antisemitismo si manifesta a proposito dello stato d'Israele comprendono:
a) Negare al popolo ebraico il diritto all'autodeterminazione, per esempio sostenendo che l'esistenza di uno stato d'Israele è un'impresa razzista;
b) Applicare un doppio standard, esigendo che Israele si comporti in una maniera che non ci si aspetta e non si pretende da nessun altro paese democratico;
c) Usare i simboli e le immagini associate con l'antisemitismo classico (per esempio, l'affermazione che gli Ebrei hanno ucciso Gesù, oppure l'accusa del sangue) per caratterizzare Israele o gli Israeliani;
d) Tracciare confronti tra la politica israeliana contemporanea e quella dei Nazisti;
e) Ritenere gli Ebrei collettivamente responsabili per le azioni dello stato d'Israele.


Ora, una volta precisato che le accuse razziali o collettive sono delle enormi e bestiali aberrazioni perchè tutti gli uomini sono uguali e non esistono differenze di razza o religione che possano giustificare violenza alcuna o riduzione di libertà e di diritti e nemmeno il minimo disprezzo o sospetto per gruppi umani o individui caratterizzati da una appartenenza religiosa; una volta precisato ciò siamo costretti a dover guardare la realtà che è tutt'altra.
L'ebraismo ortodosso ritiene infatti che l'ebraicità sia trasmissibile solo per via matrilineare. Generalmente l'ebraismo trasmesso per via paterna è considerata una moda dell' "ebraismo riformato" (una sorta di versione protestante dell'ebraismo). Questa idea che l'appartenenza al popolo eletto sia trasmissibile attraverso la madre, dunque attraverso la carne, implica una netta separazione fra ebrei e non ebrei. L'ebraismo è trasmesso per via del sangue che dalla madre passa al figlio. Questo principio religioso è compatibile con il principio di "uguaglianza" di tutti gli esseri umani e della assenza di differenze razziali o religiose o sessuali, nella considerazione dei diritti dell'uomo? D'altra parte la stessa acquisizione della cittadinanza israeliana dipende dalla nascita da una madre ed un padre ebrei (in questo caso è valida anche la paternità ebraica): ancora una volta una questione di discendenza, di sangue e di religione. Tanto che persino i cosiddetti Ebrei Messianici (coloro che credono che Gesù sia il Messia) non hanno diritto alla cittadinanza israeliana.

Per dirla in altri termini: l'ebraismo precede o segue l'umanità? Si è pertanto prima ebrei e poi, in secondo grado, esseri umani?

Generalmente le risposte in questo caso sono ambigue o vagamente denigratorie di colui che le pone. Tuttavia è innegabile che questo sia il centro da cui si diramano le varie quaestiones ebraiche che finiscono per coinvolgere direttamente la Chiesa Cattolica.

Come si è visto infatti ricade nel concetto di antisemitismo anche l'accusa rivolta al popolo ebraico di essere "popolo deicida". Appigliandosi a questo aspetto fondamentale le lobbies ebraiche rivendicano pertanto diritti ed ingerenze costanti negli affari interni della Chiesa, controllano e censurano dichiarazioni ed atti papali (dal motu proprio Summorum Pontificum, alla causa di beatificazione di Pio XII), gestiscono potenti carrozzoni dell'ecumenismo decadente e posticcio, promuovono pretesi eventi riconciliatori che in raltà si rivelano puri e semplici atti di kolakeia politico religiosa da parte del mondo cattolico.

Sin dal 2005 abbiamo visto Sua Santità Benedetto XVI entrare in numerose sinagoghe, visitare Aushwitz, lo Yad Vashem, incontrare innumerevoli delegazioni ebraiche a partire da quelle capitanate dai due rabbini capi di Israele, per finire con quelle della massoneria ebraica internazionale (il B'nai B'rith). Quasi a settimane alterne il Santo Padre lancia moniti riguardo la Shoa e l'antisemitismo, pressato da un potente apparato mediatico pronto a fargli scontare costantemente la sua nazionalità tedesca come una vera e propria condanna. Insomma, tutto appare e finalmente è concepito come una costante esecuzione di atti riparatori da parte della Chiesa Cattolica nei confronti dell'Ebraismo. Ma cosa dovremmo riparare? Forse che l'identità cristiana è per gli Ebrei già sintomo di antisemitismo in nuce, poiché la fede in Cristo dovrebbe implicitamente racchiudere l'odio antiebraico o meglio - secondo la sua definizione tipica - l'odio antigiudaico?

E' dunque fondamentale porsi una domanda: ma perchè dopo tanti e tanti anni di visite papali in sinagoghe non possiamo vedere mai un rabbino visitare una chiesa cattolica? Perché dovrebbe essere sempre il Papa a recarsi in Sinagoga, suscitando l'ammirazione di mezzo mondo, mentre i rabbini possono tuttalpiù essere ricevuti nel Palazzo Apostolico, ma mai in San Pietro?
Chi crede nel mondo che la religione ebraica e l'ebraismo siano minacciati? Chi può pensare che gli ebrei di questa terra abbiano gravi difficoltà di sopravvivenza, proprio oggi che si spinge per definire Israele primo "stato ebraico" della storia? Perchè dunque questo continuo e ripetitivo ossequio dell'ebraismo mondiale da parte della Chiesa Cattolica? E perchè il Santo Padre deve esser messo nelle condizioni di ribadire costantemente le proprie chiare e note posizioni riguardo alla Shoah ed all'antisemitismo?

Sebbene siano passati 60 anni da quella immane tragedia della Shoah, la costante iterazione di appelli, cerimonie, inchini, manifestazioni di "ricordo", unita al progressivo indottrinamento delle masse, fa pensare che quella tragedia stia per ripetersi fra poco e che bisogna attivarsi per scongiurarla. Se qualcuno crede che questo rischio sia connesso alle minacce iraniane (e varie altre speculazioni militar politiche del Medio Oriente) allora perchè deve indottrinare l'Occidente? Perchè la Shoah non viene insegnata al mondo islamico?
D'altra parte salta agli occhi di tutti la stretta ed indissolubile connessione fra le azioni dello Stato di Israele e l'attivismo ebraico mondiale. Perchè antiisraelismo ed antisemitismo spesso finiscono per coincidere data la loro interconnessione logica e fattuale. Ma non è questo il luogo per parlare di politica.
Mi interessa invece ribadire il profondo disagio che da cattolico provo nel vedere questo tipo di propaganda a senso unico: osanna e alleluia se il Papa va in sinagoga, ma nemmeno un minimo accenno di un rabbino che vada in una chiesa! Anzi, le chiese al massimo i cattolici le cedono per farne sinagoghe! Perchè?

Perchè gli uomini di oggi devono scontare presunte colpe del passato?
Perchè i cattolici di oggi devono sentirsi responsabili morali della Shoah e dell'antisemitismo? Forse che le colpe dei padri ricadono sui figli? Forse viviamo nella Grecia mitologica, quando le colpe di Atreo ricadevano sino ad Oreste? Pure, anche in quel caso, l'intervento divino o lo sconto umano della colpa atavica ponevano le premesse per un nuovo inizio. Invece in questo continuo incensamento del popolo ebraico e nella pedante rievocazione delle nostre presunte, implicite e diffuse colpe, non si vede neppure il riverbero dell'alba di un nuovo giorno. No.

Se si trattasse di stabilire un rapporto di reciproco rispetto fra religioni che nascono da un comune ceppo storico, allora il criterio di questo rispetto dovrebbe essere quello della reciprocità e della non ingerenza. Invece qui funziona tutto al contrario: ingerenza e univocità da parte ebraica connotano ogni tipo di azione della controparte cristiana e cattolica in particolare. E questo è un fenomeno costante e palese il cui obiettivo ci è apparentemente ignoto. Eppure l'equazione cristianesimo = causa primaria di antisemitismo ci dovrebbe indurre a credere che il cristianesimo dovrebbe purgarsi della contrapposizione strutturale con l'ebraismo, altrimenti continuerebbe soltanto a propagare nel mondo la peste dell'antisemitismo...

Effettivamente molteplici associazioni e gruppi di pressione ebraici promuovono una sorta di rivisitazione del Nuovo Testamento affinchè vengano espunti certi passi antisemiti (soprattutto a loro dire contenuti nelle lettere di San Paolo)
. Dunque è nella stessa identità della Chiesa, nel "cuore di tutte le Scritture" ad esser messo sotto accusa il cristrianesimo.
Inoltre l'assenza di un riferimento univoco dell'ebraismo mondiale o regionale, dato che l'ebraismo come l'islamismo non riconosce un'autorità suprema con la quale rapportarsi, costituisce un elemento di grande dispersione delle energie cattoliche. Con chi dialogare e come dialogare diventano domande fondamentali.

Purtroppo, però, è evidente che questo tipo di dialogo si fonda su premesse erronee. Come dialogare con chi mette in discussione la radice stessa della "Nuova ed eterna Alleanza"? Forse snaturando l'autentica Verità della fede che si è tramandata dai tempi degli Apostoli (che - per inciso - erano tutti ebrei)?

A quest'ultima domanda non è dato rispondere. Certo è che ancora una volta un Papa varcherà la soglia di una sinagoga, con tanto di rituali parareligiosi a far da corollario all'incontro. Sarà giusto pertanto chiedere a gran voce che un nutrito gruppo di rabbini si possa recare dal Papa in San Pietro per partecipare ad una Santa Messa Cantata? Una Messa val più di tutte le cerimonie e i dialoghi da quattro soldi che vengono politicamente sbandierati quali vie per la riconciliazione (sic!) ed il rispetto reciproco.

Nella Santa Messa l'Olocausto perfetto viene offerto in remissione dei peccati dell'uomo (cristiano o ebreo che sia). Non è forse la Messa il più potente Sacrificio Espiatorio? E' Sacrificio Espiatorio non solo dei peccati dei cristiani, bensì dei peccati dell'intera umanità! Non è questo rito l'essenza stessa dell'amore fra gli uomini illuminato dall'amore di Dio che per amore verso la Sua creatura si è sacrificato sino alla morte? Evidentemente siamo immersi in un mondo di vacue e ridondanti chiacchiere. Perciò, in conclusione, lasciamo la parola a San Paolo affinchè dalle chiacchiere si possa passare al Vero Logos:

"Poiché l'amore del Cristo ci spinge, al pensiero che uno è morto per tutti e quindi tutti sono morti. 15Ed egli è morto per tutti, perché quelli che vivono non vivano più per se stessi, ma per colui che è morto e risuscitato per loro. 16Cosicché ormai noi non conosciamo più nessuno secondo la carne; e anche se abbiamo conosciuto Cristo secondo la carne, ora non lo conosciamo più così. 17Quindi se uno è in Cristo, è una creatura nuova; le cose vecchie sono passate, ecco ne sono nate di nuove. 18Tutto questo però viene da Dio, che ci ha riconciliati con sé mediante Cristo e ha affidato a noi il ministero della riconciliazione. 19È stato Dio infatti a riconciliare a sé il mondo in Cristo, non imputando agli uomini le loro colpe e affidando a noi la parola della riconciliazione. 20Noi fungiamo quindi da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio. 21Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo trattò da peccato in nostro favore, perché noi potessimo diventare per mezzo di lui giustizia di Dio." (II Cor. V, 14-21)