sabato 16 gennaio 2010

LE CHIESE DELL'ORRORE PROMOSSE DALLA CEI!

Cari amici,

francamente non ho parole. Ho appena sfogliato il catalogo (pubblicato con l'ultimo numero di CASABELLA - costo €12) della prossima mostra organizzata dalla CEI a Roma, mostra sulle "NUOVE CHIESE ITALIANE". Si tratta di una esposizione dei 21 progetti complessivi che hanno partecipato al 5° dei tre concorsi nazionali (per Nord Centro e Sud della penisola) di progettazione di nuovi complessi parrocchiali. Hanno vinto le 3 chiese che vedete di seguito. Le altre foto sono di alcuni dei restanti 18 progetti che saranno esposti a Roma dal 20 gennaio presso la SALA1 (Scala Santa).
Per ora devo ancora metabolizzare l'indigestione di orrore che la CEI ci propina. Avrei voglia di commentare rivolgendo un accorato appello alla CEI affinchè abbia pietà di noi miseri fedeli in cerca della bellezza. Mi domando se i vari don Giuseppe Russo, Mons. Iannone, Mons. Crociata e persino S.E. il Card. Bagnasco non possano avere misericordia del nostro senso estetico e della nostra fede semplice e diretta, che cerca in Dio la vera Bellezza, e volerci così preservare dagli abomini che ci vengono presentati quali esperienze di proficuo dialogo con l'architettura e modelli di azione parrocchiale.

Nel frattempo vi invito tutti alla preghiera. La Santa Vergine ascolterà la nostra tristezza e convertirà di certo i cuori inariditi dalla mondanità dilagante!

Francesco Colafemmina


1° Class. Nord - Complesso parrocchiale Madonna delle Grazie - Dresano (Milano): esterno e interno




1° Class. Centro - Complesso parrocchiale Stella Maris - Porto Recanati (MC): esterno e interno


1° Class. Sud - Complesso parrocchiale Gesù Maestro - Racalbuto (AG): Madonna "Colabrodo"

Complesso parrocchiale Gesù Maestro - Racalmuto (AG): chiesa Zen con giardino Zen


Arch. Giampiero Lilli 2° Class. progetto Dresano: Chiesa di Star Treck


Alessandro Pessoli per progetto Dresano "segnalato" dell'Arch. Giovanna Potestà: Gesù "Pupazzo"


Arch. Manfredi Nicoletti, progetto non vincitore per Dresano (liturgista del progetto S.E. Card. Andrea Cordero Lanza di Montezemolo)



Arch. Luisa Fontana, 2° Class. progetto Porto Recanati: esterno e interno chiesa "occhio"

9 commenti:

Mario ha detto...

San Benedetto ci liberi dall'obbrobrio della fantarchitettura religiosa! Ma come si può essere così ostinati?
A proposito: com'è finita con l'appello al Santo Padre per l'arte sacra?

Anonimo ha detto...

Quando vedi queste cose ti verrebbe voglia di non versare più l'8‰!

Caterina63 ha detto...

Ieri in famiglia si parlava di Natura, del calendario Maya....di terremoti, della parusia di nostro Signore...
Abbiamo tentato di "addolcirci" la pillola sottolinenando le parole del Signore: "...ma non è ancora la fine...." e abbiamo cercato di vedere gli eventi drammatici che viviamo in chiave positiva: Maranathà, Vieni Signore Gesù!

Insomma, stiamo vivendo una evoluzione climatica e geofica...l'asse centrale della terra pare abbia subito uno spostamento (impercettibile a noi) che sta determinando questi cambiamenti, sembra addirittura che secondo alcuni scienziati i due Poli potrebbero invertirsi nel senso del caldo e del freddo...o che l'Europa del Nord diventerebbe una nuova zona glaciale...altri dicono che siamo nell'era del surriscaldamento...

Tutte ipotesi certamente, ma tutte di scienziati con tanto di targhe, non parliamo di Topolino, ma di affermazioni UFFICIALI DI STUDIOSI...tuttavia nessuna certezza...solo ipotesi!

L'unica certezza che stiamo avendo è che nella Chiesa qualcosa si è davvero convertito, i cambiamenti sono reali, Satana E' ALL'OPERA....

Tempo fa anche qui spiegai che il Progetto delle NUOVE CHIESE andrà avanti per la sua strada...semplicemente perchè così è stato deciso in nome del Concilio...è uno di quegli errori di interpretazione che non verrà più corretto semplicemente perchè non abbiamo più nè i soldi, nè gli architetti, NE LA FEDE NECESSARIA per costruire Chiese che siano davvero CATTOLICHE perchè nelle nuove deve rispecchiare L'ECUMENISMO, ossia un ambiente che possa accogliere non solo i cattolici, ma anche chi non lo è...
Insomma le NUOVE chiese non devono dare la priorità a DIO ma ALL'INCONTRO DEGLI UOMINI in uno spazio, in un ambiente nel quale PARLARE DI DIO che non sia prettamente Cattolico, del resto va di moda dire che: la Chiesa non ha il monopolio di Dio ...

Notare che delle nuove Chiese, esteriormente, nulla richiama al Tempio, nulla richiama al Tabernacolo con il Dio Vivo e vero, sono eliminati campanili e Croci, l'anonimato dell'edificio richiama più a luoghi di RADUNI ANONIMI che ad una CHIESA in termine stretto...

Non so quanto questo sia giusto e fino a che punto sia stata una scelta saggia... confesso che viviamo nella confusione più complessa dove tutto è il contrario di tutto o dove tutto finisce per sancire la legalità di ogni arbitrio, fosse anche il più strambo...tutto in nome del NUOVO

Le Chiese con la C maiuscola lentamente scompariranno, forse ipotizzando una espressione del Cristo quando dice: "non resterà pietra su pietra", forse è così che deve andare proprio perchè stiamo spianando la strada NON al Cristo, ma ALL'ANTICRISTO che dovrà venire, come spiega san Paolo, e che egli verrà quando "sarà eliminato colui che lo frena"....
Chi frena l'Anticristo è la sana Dottrina, è il Diritto Naturale, tutti elementi che stiamo letteralmente perdendo....l'apostasia è giunta, il diritto naturale sta scomparendo, le parole di Paolo ai Tessalonicesi sono di una attualità incontrovertibile e Gesù non ci chiede di salvare gli eventi ma di PERSEVERARE NELLA FEDE...

Soffro solo all'idea, come ebbi modo di dire, che le prossime generazioni, forse anche fra 100 anni, non troveranno più Chiese dentro le quali IL VECCHIO E IL NUOVO si incontravano e si fondevano dando vita ai SANTI....non so se ciò è giusto, ma è così e credo che davvero noi non possiamo fare nulla per cambiare questi itinerari...
Ci aiuti Dio a trovare le risposte, e ci doni consolazione...

Francesco Colafemmina ha detto...

Caro Mario,

l'Appello riserverà delle ottime sorprese! ;-)

E' sottoscrivibile fino a marzo perciò se avete amici conoscenti che non lo hanno firmato, se conoscete artisti artigiani sacerdoti interessati a firmarlo non esitate a farli andare sul sito dell'Appello e a fargli inviare sottoscrizioni!

Comunque a breve pubblicherò una mia intervista in merito apparsa su Vatican-Magazin:

http://www.vatican-magazin.de/

Per Anonimo:

pienamente d'accordo!

Per Caterina:

tutti questi sconvogimenti mi "sconvolgono" perchè non colpiscono noi che forse con la nostra perversione e con lo sfruttamento intensivo della terra e una certa apostasia ecclesiale siamo meritori del castigo divino!

Anonimo ha detto...

Oh mio Dio, non ho davvero parole, la chiesa zen, quella occhio, mi viene solo da vomitare.
Bagnasco si è fumato il cervello, e mitria?
Ma la CEI, dopo l'arte moderna sul lezionario e la sua rivisitazione letteraria, non ha proprio intenzione di smetterla con la rumenta?
A parer mio tutto ciò è intollerabile, dov'è la Liturgia?

Caterina63 ha detto...

Il punto messo in evidenza è chiaro: la rivalutazione conciliare della dimensione comunitaria, essenziale alla fede cristiana, ha portato in fase applicativa a una desacralizzazione che nulla ha a che vedere con gli insegnamenti del Vaticano ii.


Incredibile ma vere, queste parole escono domani sull'Osservatore Romano in un articolo dal titolo:

Architettura e arte sacra

Ma il tabernacolo
non è un ingombro


http://www.vatican.va/news_services/or/or_quo/text.html#1

Come fa il giornale della Santa Sede a pubblicare queste verità e poi pubblicare anche articoli che sostengono invece tale dissacrazione?

Davvero non ci capisco più nulla....

Fabrizio ha detto...

Davvero, dopo appelli, incontri con gli artisti, libri, conferenze ...tante chiacchiere per vedere questi esperimenti di laboratorio come risultato.....mi sento profondamente disulluso sulla possibilità, oggi, di una vera arte sacra cattolica. Almeno fino a quando non cambieranno certe teste. Ha ancora un senso continuare a berciare quando non dipende certo da me che tali aborti liturgici vengano alla luce?

Anonimo ha detto...

All'orrore e all'abominio non sembra esserci limite nè rimedio.
Finchè si fanno discorsi si può dire tutto e il contrario di tutto, ma quando si celebra la Liturgia e si costruscono Chiese la verità vine svelata e non la vede solo chi non vuole o proprio non sa (dopo decenni di annebbiamento).
FdS

Anonimo ha detto...

Sono allibito a vedere certe sconcezze! Sappiamo benissimo che, purtroppo, negli uffici della CEI ci sono persone che hanno perso la testa: il modernismo e il protestantesimo hanno prevalso sulla tradizione cattolica e il buon gusto. Poveri noi! Papa Benedetto e il Card. Bagnasco pongano rimedio a tale sfacelo.