venerdì 30 aprile 2010

ANTEPRIMA DE "IL MISTERO DELLA CHIESA DI SAN PIO" SU PANORAMA!



Padre Pio Squadre da muratore, piramidi, gatti, strane conchiglie fossili... Nella chiesa dedicata al santo, a San Giovanni Rotondo, compaiono molti simboli che ricordano le logge. Solo un caso oppure...

di Pietrangelo Buttafuoco

Il santuario progettato da Renzo Piano e dedicato a Padre Pio, proclamato santo, non piace al popolo dei fedeli. La nuova tomba poi, carica d’oro come neppure un mausoleo da satrapo, stride con la testimonianza francescana del frate di Pietrelcina. Ma adesso si propone un mistero in più: al di là delle genuine intenzioni dei committenti, infatti, nel santuario appaiono numerose incrostazioni simboliche (aggiunte al disegno originale di Piano) che fanno ipotizzare una trama segreta intorno al tempio come neppure Dan Brown avrebbe saputo fare. Francesco Colafemmina, esperto di arte sacra, incuriosito dalle reazioni e dai giudizi dei pellegrini, ha lavorato a un saggio che risponde a un inquietante interrogativo: l’intera struttura architettonica, con il suo corredo iconografico, è un intrico di messaggi esoterici, alchemici e, in cruda sintesi, un edificio votato al culto massonico?Il mistero della Chiesa di San Pio, coincidenze e strategie esoteriche all’ombra del grande santo di Pietrelcina(edizioni Settecolori, 15 euro) sarà in libreria dal 5 maggio. Corredato di note e di un ricco apparato fotografico, il libro ripercorre anche i sentieri dell’antica avversione che oppone la Chiesa alla Libera muratoria. Così, nel 1913, San Pio scriveva: «Quanti disgraziati fratelli corrispondono all’amore di Gesù col buttarsi a braccia aperte nell’infame setta della massoneria! Preghiamo per costoro acciocché il Signore illumini le loro menti e tocchi il loro cuore».

15 commenti:

evergreen ha detto...

Si abbia le mie congratulazioni. Leggerò il Suo libro.

max ha detto...

Speriamo che questo articolo di Panorama, possa suscitare lo sdegno e la riprovazione da parte dei fedeli di S. Pio e, che i fedeli del santo, non si rechino in quel tempio massonico dove lo hanno trasferito.
Per quanto riguarda il libro, spero davvero di poterlo acquistare al più presto, perchè sono convinto che sarà interessantissimo.

Anonimo ha detto...

Ho provveduto ad ordinare al mio giornalaio 3 libri, uno per me e 2 da regalare.

Caterina63 ha detto...

L'altra sera al Porta a Porta, hanno liquidato il fatto della traslazione con un paio di battute...

1) che i fedeli contrari alla traslazione sono uno sparuto gruppetto che si adeguerà alle volontà di san Pio di OBBEDIRE SEMPRE ALLA CHIESA...e poichè la traslazione sarebbe un atto DI VOLONTA' DELLA SANTA SEDE nella Congregazione dei Santi, i frati HANNO OBBEDITO...

2) portando una lettera manoscritta di san Pio si è voluto far passare la frase de santo, riguardo al desiderio di NON voler uscire ne da vivo ne da morto dal convento, quale CONFUSIONE di una risposta che egli dava al sindaco di san Giovanni Rotondo, nella quale san Pio rispondendo al fatto che probabilmente sarebbe stato trasferito, egli rispondeva: "DESIDEREREI DI NON MUOVERMI DA QUI, MA SE CIO' SARA' RICHIESTO DAI MIEI SUPERIORI, OBBEDIRO'..."

secondo i frati dunque, non esisterebbe alcuna richiesta di san Pio a voler rimanere nel convento e che sarebbe stata tutta una messa in scena dagli oppositori della traslazione...

punto, tutta la questione della traslazione finisce qui...naturalmente Bruno Vespa NON ha chiamato in causa alcuno che potesse spiegare le ragioni da qualst'altra parte...è stato tutto un lodarsi e uno sbrodarsi da soli poichè non c'era il contraddittorio...

P.S.
complimenti per l'articolo...
^__^

Anonimo ha detto...

Come si deve fare per ordinare un libro?
Grazie
A.C.

Caterina63 ha detto...

Io ho fatto così:
sono andata dal mio librario di fiducia, ed ho chiesto di mettermene da parte una copia...

appena uscirà mi chiamerà...
nel frattempo quel giorno ho incuriosito altre due persone le quali hanno con me ordinato il libro... ^__^

credo che comunque ordinarne la copia valga anche in una libreria qualunque...l'importante è che sappiano dell'arrivo del libro e quindi è bene informarli...
in ultima analisi, chiedere qui a Francesco che risponderà direttamente...
^__^

Anonimo ha detto...

Da Caterina63
secondo i frati dunque, non esisterebbe alcuna richiesta di san Pio a voler rimanere nel convento e che sarebbe stata tutta una messa in scena dagli oppositori della traslazione...

ma i frati sanno molto bene che il desiderio di Padre Pio era il seguente: "esprimo il mio desiderio che, ove i miei superiori non si oppongano, le mie ossa siano composte in un tranquillo cantuccio di questa terra…".
Va da sé che il tranquillo cantuccio è diverso dalla faraonica cripta.
Però i frati si sono opposti al desiderio del loro Confratello desiderio, e quindi bisogna andare in soccorso, anche perché certe affermazioni dei frati sono delle classiche arrimpicate sugli specchi.

Caterina63 ha detto...

Bè caro Anonimo, ti confesso che le risposte dei frati mi hanno profondamente delusa...
mi aspettavo qualcosa di più corposo, invece hanno chiuso ed eluso il tutto sostenendo che le critiche sono mosse da un "povero gruppetto minoritario di fedeli che non sanno nulla...."

questo è stato molto triste...

e mi ha fatto tenerezza vedere fedeli ugualmente sostare nella cripta oramai vuota...e che se continuerà a riempirsi finiranno per chiuderne l'accesso ai fedeli....

Anonimo ha detto...

Caterina, ripeto che adesso bisogna andare in socorso di Padre Pio il quale ha espresso una volontà precisa, e i frati lo sanno benissimo, anche se nella trasmissione Porta a Porta il Rettore del Santuario, Fr. Francesco Di Leo, con atteggiamento di stizza ha detto: non mettiamo sulla bocca di Padre Pio volontà mai espresse.
Lasciamo lavorare il Signore che Lui le cose se sa fare bene.
Grazie Caterina per il tuo prezioso contributo, e sappi che sei sempre ricordata, insieme a Francesco nelle mie quotidiane preghiere.

mic ha detto...

Padre Pio, prega per noi e per la Chiesa!

Grazie Francesco,
sono felice che la tua fatica sia arrivata in porto e non vedo l'ra di leggere!

Anonimo ha detto...

Io penso che non soltanto Padre Pio, ma anche gli angeli e i santi stanno pregando per la Chiesa e per questo mondo così tribolato.

Anonimo ha detto...

Io il libro l'ho già prenotato. Quanto alla trasmissione Televisiva Porta a Porta, non è da adesso che nel trattare la vita dei Santi, detta trasmissione scivola su inesattezze storiche e sentimentalismi fuori luogo. Sorprende ed irrita la solita sicurezza dei rappresentanti o portavoce del Convento di San Giovanni Rotondo o della Provincia religiosa di Sant'Angelo e Padre Pio dei Cappuccini. Le loro argomentazioni non stanno in piedi, offendono la devozione dei fedeli verso il Santo. Gravissimo affermare che fu volontà del Santo essere destinato all'oblio per far posto, nel cuore dei suoi figli spirituali, unicamente a Gesù il Signore. Ecco allora spiegata l'esistenza di quella "nuova chiesa inferiore" dove, secondo quiei religiosi, è stato dato il posto centrale a Cristo Gesù così come era nei desideri di San Pio. Difatti l'opera musiva del Rupnik inscena in detta chiesa inferiore alcuni quadri importanti della narrazione evangelica della vita di Gesù.
Allora:
1) Padre Pio è stato OCCULTATO. Una parete con una mezza luna che dovrebbe rappresentare la ferita del costato di Cristo Gesù, ne nasconde l'urna reliquiario alla venerazione dei fedeli.
2)Il venerato corpo del Santo è stato allontanato da Casa Sollievo della Sofferenza. Forse pochi sanno che i degenti, gli ammalati di detta struttura benemerita costata sangue e sacrifici al Santo, non possono più, come era loro consuetudine, recarsi dinanzi alle spoglie mortali del Santo per invocarne aiuto, protezione e guarigione fisica ed interiore.
3) Pochi sanno che l'infermeria della provincia cappuccina di Foggia è a San Giovanni Rotondo: era abitudine dei fraticelli anziani o malati, recarsi la sera in cripta (quella vecchia) per dialogare con il loro santo confratello.
Ora, con la nuova "chiesa inferiore" tutto ciò risulta impossibile, a meno che, bravi volontari non decidano di trasportare gli ammalati dell'Ospedale in macchina fino all'augusta nuova chiesa inferiore.
4) I frati insistono nel difendersi dicendo che "prima" tutto era concentrato e accentrato sul Convento e sul Santuario di Santa Maria delle Grazie. Bene, anzi MALE! Si è praticamente accentrato tutto all'interno del nuovo tempio di Piano, senza nulla risolvere di quella, per loro, penosa concentrazione di fedeli sul convento.
5) Risulta che Padre Pio fosse un devoto della Vergine Maria e ancor più di Santa Maria delle Grazie. Mi si venga a spiegare perchè le sue spoglie mortali sono state allontanate dal Santuario a lui molto caro. Allergia al devozionalismo mariano pre conciliare(di cui il Santo è accusato da certi signori teologi di oggi o in talare o in saio) guardato con sospetto dai nuovi cultori e difensori del Concilio Vaticano II?
6) Forse che la penombra e l'atmosfera di vero raccoglimento della vecchia cripta sono considerati dai frati robette insignificanti? Eppure tutti, nessuno escluso tra i fedeli, in quella cripta riusciva a pregare la Trinità e il Santo.
7) Voi lo sapete che la nuova chiesa di San Pio, superiore e inferiore ha banchi senza inginocchiatoi? Proibito inginocchiarsi! Attenti! Se lo volete fare, fatelo pure ma a terra. Ditelo anche agli anziani...che devono inginocchiarsi per terra! La nuova moda, l'arroganza di sapere(specialmente della nuova e scicchissima teologia liturgica propagandata da altrettanti scicchissimi signorini teologi) di più di noi poveri fedeli, esaltata e certificata dalle benedizioni e consensi della Congregazione dei Santi che nel caso specifico ha avuto gli occhi bendati e le orecchie turate con tappi di sughero(forse pugliese?).
Ultimo neo: la nuova chiesa inferiore non ha un tabernacolo, come del resto la chiesa superiore. Siete tutti avvisati: il PADRONE di CASA si trova in una cappella periferica, facoltativo entrarvi!! Sì, Gesù Vivo e Vero nella Santa Eucarestia se ne sta in una "cappella tutta sua"...
L'altare a forma di cubo...! Mi fermo quì. Un saluto a Francesco e Caterina.
Roberto C.

Anonimo ha detto...

Si sappia che Padre Pio nella nuova Chiesa non ci vuole stare, e farà di tutto per tornare a Santa Maria delle Grazie.
Basta saper attendere pregando, perché a Dio tutto è possibile.
Francesco.

giuditta ha detto...

Salve. Vorrei chiederle una cosa: potrei riportare questo articolo sul mio blog? Vorrei anche farlo per far conoscere il suo blog e il suo libro che da quel che ho capito sarà utile per "risvegliare" le coscienze assopite della nostra epoca. Inoltre le segnalo: http://www.chiesaviva.com
Grazie, Giuditta

Francesco Colafemmina ha detto...

Carissima,

certo che puoi riportarlo sul tuo blog. Quanto a Chiesa Viva conosco benissimo le teorie di Adessa ma, per quanto possa concordare sul suo naso (ha fiutato qualcosa che non andava), non concordo affatto sulle sue conclusioni palesemente artate ed eccessivamente "costruite".