mercoledì 28 aprile 2010

UN PENSIERO ALLA GRECIA: THEODORAKIS PREVEDE GRAVI SCIAGURE


Cari lettori,

scusate se oggi non vi parlo di Chiesa Cattolica e dintorni, ma la grave situazione che si sta creando in Grecia è a mio parere un campanello d'allarme da non sottovalutare. Intendo dire che l'attuale crisi economica che sta conducendo la Grecia verso il fallimento (che sarà indubbiamente evitato dalla Germania, ma solo dopo le elezioni del 9 Maggio) è qualcosa di più di una crisi economica. E' un progetto di rifondazione del popolo e della Nazione greca, apertamente intrapreso dal Premier Papandreou sin dal suo insediamento nell'ottobre scorso.

Vi invito a leggere ad esempio questo articolo di Panorama che chiarisce chi sono gli attori che si muovono dietro questa crisi e quali siano i loro reali obiettivi. L'establishment greco non ha fatto altro che agevolare l'azione di questi "falchi", il cui vero obiettivo è stato nitidamente individuato in questo articolo pubblicato ieri dal quotidiano greco TA NEA e scritto dal famosissimo compositore e cantante Mikis Theodorakis.

Quello che accade oggi alla Grecia è, d'altronde, ciò che potrebbe accadere domani all'Italia con i suoi 1.800 miliardi di Euro di debito pubblico...

La culla della civiltà europea è oggi allo sbando. E mentre il governo Papandreou vara leggi che naturalizzano gli immigrati e fanno sempre più illogiche concessioni alla Turchia (che continua a violare lo spazio aereo greco, le acque territoriali greche, la sovranità greca su alcune isole dell'Egeo), rischia di crollare anche il fondamento culturale e identitario dell'Europa, tutto in nome del mondialismo e della finanza internazionale.


di Mikis Theodorakis

Con l'intelligenza comune di cui dispongo, non posso spiegarmi e ancor più giustificare la velocità con la quale la nostra Nazione è precipitata dal livello del 2009 sino a questo punto, sì da perdere grazie al Fondo Monetario Internazionale una parte della nostra sovranità nazionale e disporci in condizione di tutela controllata.
.
Ed è strano che nessuno fino ad ora si sia occupato della cosa più semplice, ossia del nostro percorso attraverso numeri e dati da allora sino ad oggi, sì da comprendere anche noi ignoranti le reali ragioni di questo sviluppo improvviso e vertiginoso, che ha come risultato la distruzione della nostra autodeterminazione nazionale e al contempo l'umiliazione internazionale.

Sento parlare di un debito pubblico di 360 miliardi di euro, ma allo stesso tempo vedo che anche molte altre nazioni hanno identici e ancor maggiori debiti. Dunque non può essere questa la causa fondamentale della sciagura. Inoltre è per me problematico il dato dell'esagerazione delle aggressioni finanziarie internazionali che hanno come obiettivo la nostra Nazione, assieme ad una così ben armonizzata sintonizzazione contro una Nazione di scarsa importanza economica. Fatti che suonano sospetti.

Così sono giunto alla conclusione che qualcuno ci ha voluti svergognare e terrorizzare, sì da condurci al FMI, che costituisce il fattore basilare della politica coloniale degli USA, mentre tutte le altre storie riguardo alla solidarietà europea erano solo fumo nei nostri occhi, perché non sembrasse una chiara volontà americana quella di gettarci in una complessa crisi economica, sì da impaurire il nostro popolo, da impoverirlo, da fargli perdere le sue conquiste preziose e alfine metterlo in ginocchio, dopo aver accettato di esser governato da stranieri. Ad ogni modo perché?

Sebbene sia stato e rimanga un sostenitore dell'amicizia fra Greci e Turchi, in questo momento devo dire che mi spaventa questa improvvisa stretta nelle relazioni governative, le relazioni fra ministri ed altri protagonisti dello scenario politico, le visite a Cipro e l'arrivo di Erdogan. Sospetto che dietro tutto ciò si celi la politica statunitense con tutti i suoi sospetti progetti che riguardano la nostra posizione geografica, l'esistenza di giacimenti petroliferi sottomarini, la situazione di Cipro, l'Egeo, i nostri vicini del nord e la posizione tracotante della Turchia, che hanno l'unico impedimento nella sospettosità e nell'opposizione del popolo greco.

Tutti intorno a noi, chi più chi meno, sono legati al carro degli Stati Uniti. L'unica dissonanza siamo noi, che a partire dal regime dei Colonnelli e dalla perdita del 40% di Cipro per arrivare agli abbracci con gli abitanti di Skopia e gli ipernazionalisti albanesi, abbiamo continuamente subito colpi su colpi senza mettere giudizio.

Dobbiamo dunque essere cancellati come popolo e questo è esattamente ciò che sta avvenendo oggi. Invito gli economisti, i politici, gli analisti a smentirmi. Ma credo che non esista nessun'altra spiegazione razionale dell'attuale situazione se non che siamo dinanzi ad una congiura internazionale alla quale hanno partecipato anche gli Europei filoamericani tipo la Merkel, la Banca Centrale Europea e la stampa reazionaria internazionale. Tutti insieme hanno congiurato per "il grande colpo" della degradazione di un Popolo libero al grado di vassallo. Almeno io non posso dare alcun'altra spiegazione. Ammetto comunque di non disporre di speciali conoscenze, ma parlo basandomi sulla mia comune intelligenza. Forse anche molti altri potranno pensarla come me e forse anche questo lo vedremo nei giorni che verranno.

Ad ogni modo volevo preparare l'opinione pubblica e sottolineare che se la mia analisi è corretta, allora la crisi economica (che come ho detto ci è stata imposta) non è altro che il primo calice amaro del banchetto luculliano che seguirà e che questa volta riguarderà i nostri temi nazionali più vitali e critici, e non voglio nemmeno immaginare fino a che punto ci porteranno.

44 commenti:

Anonimo ha detto...

Caro Francesco e caro Theodorakis, sono completamente d'accordo con la prospettiva dell'articolo. Ortodossi si leghino ai cattolici di BXVI. tento per cominciare. Al resto si vedrà, una cosa alla volta.
Davide

mic ha detto...

Preghiamo, per loro e per noi perché i greci stanno attarversando quello che non tarderà neppure per noi, purtroppo

Grazie Francesco per questa sensibilità e questo approfondimento, che spicca maggiormente nell'asettica indifferenza con cui i media danno notizie cosi drammatiche!

mic ha detto...

... ho appena letto l'articolo di Panorama

vero e proprio terrorismo politico-finanziario, per non dire di peggio!

mala tempora...

Anonimo ha detto...

La Grecia è stata "costretta" a truccare i conti dalla cricca di Goldman Sachs per farla entrare a tutti i costi nell'area dell'Euro cosa che "la avrebbe salvata".

La stessa cricca che costrinse l'italia allo svantaggioso cambio Lira-Euro che ben conosciamo. C'era il governo Prodi.
...e, pensate un pò, che curioso...i consulenti italiani di Goldman Sachs (cioè gli italiani che sono a libro paga di tale combriccola di malversatori) sono per l'auunto Prodi, il direttore di Banchitalia Draghi, e Mario Monti, all'epoca a capo della nonelettiva Commissione Europea.
Tutti e tre per altro appartenenti al famigerato "Gruppo Bilderberg".

Goldman Sachs è ora al centro dell'attenzione di tutti i media come vera atrefice della crisi finanziaria mondiale.....

Caterina63 ha detto...

Non sarà un caso che ben due Icone della Vergine, in due Chiese Ortodosse, una in Francia l'altra a Milano, stiano versando LACRIME?

Francesco Colafemmina ha detto...

http://milano.repubblica.it/cronaca/2010/04/25/news/milano_lacrime_da_un_immagine_della_madonna_in_chiesa_ortodossa-3608985/

Ecco il link all'articolo sull'icona che lacrima a Milano...

Ce ne sono varie in tutto il mondo che stanno lacrimando myron...

bedwere ha detto...

Prima o poi i nodi verranno al pettine anche per i "persecutori" della Grecia perche' tutto il mondo ci sono le stesse condizioni

1) Banche con riserve frazionarie
che moltiplicano il denaro in circolazione causando i cicli economici.
2) Una banca centrale sempre pronta a prestare denaro, amplificando i cicli.
3) Una moneta non basata su una merce (oro, argento) ma sul nulla. Questo rende facilissimo aumentare la base monetaria.
4) Debiti pubblici mostruosi causati da politici che spendono
perche' tanto le conseguenze a lungo termine non li toccano.


Si scrive Goldman Sachs ma si legge Federal Reserve: li` sono i veri artefici del disastro.

Francesco Colafemmina ha detto...

Una delle canzoni più belle composte da Theodorakis...

http://www.youtube.com/watch?v=ea5QoLF6pPs&feature=related

Nikos ha detto...

Amici miei, i nostri(?) problemi finanziari rispecchiano il grande problema europeo della discordia tra noi Europei (...una volta cristiani)e dell' abbandono delle nostre radizi culturali greco-romano-cristiane con l' abbraccio della mentalità del consumismo totale!
Facciamo finta di non capire... Tutti noi adoriamo Mamona, lui è il nostro Dio... abbiamo dimenticato Cristo Crocifisso e Risorto!
Mi ricordo quando ero studente a Siena... quando piangeva lacrime di sangue la Madonna di Civitavecchia... il messaggio era chiarissimo e vale anche oggi:
PENTITEVI E CONVERTITEVI AL SIGNORE!!!

Grazie Francesco.
Nikos da Atene

Orsobruno ha detto...

Caterina 63 mi fa riflettere.
Che Nostra Madre Santa Maria abbia scelto una chiesa ortodossa di Milano per donarci un segno importante, è senz'altro affetto materno verso la Grecia sofferente.
Temo che sia anche un avvertimento per Milano, in cui sono nato e vivo: molte cose non stanno andando bene, in molti ambiti, e anche nella vita della Chiesa: c'è tanto attivismo senza fondamento, si spendono milioni di parole inutili, si ama talmente poco Gesù Cristo...

Caterina63 ha detto...

Caro orsobruno, come rammentavo su oriensforum, non dimentichiamo di un altra serie di prodigi che la Madonna fece quando le truppe napoleoniche invasero l'Italia, confiscando i beni alla Chiesa e imponendo la chiusura dei monasteri....in Italia e Roma, ma anche ad Ancona e in altri parti, MOLTISSIME ICONE mariane fecero il prodigio degli OCCHI: gli occhi della Vergine Madre si muovevano, si aprivano e chiudevano, perfino Napoleone ne fu testimone nel mentre voleva portar via la Vergine di tutti i Santi collocata nel Duomo di san Ciriaco ad Ancona...tanto da indurlo a non toccarla e a lasciarla dove stava...
Un fatto stupendo che Messori ha messo meravigliosamente in un libro "Gli Occhi di Maria" nel quale riporta tutti i documenti e le prove del prodigio...

La Madonna ci sta avvisando della sua Materna protezione, è una consolazione i prodigi che compie per noi perchè possiamo perseverare nella fede, non disperare e, perchè no....fare il vero Ecumenismo con gli Ortodossi insieme alla TuttaSanta a cominciare dal difendere e sostenere gli Ortodossi in Grecia, non a caso il Papa andrà ai primi di giugno a Cipro dove si sta lavorando a Commissioni miste SUL PRIMATO PETRINO....

Preghiamo e davvero affidiamo a Maria la Chiesa in Grecia e nel mondo, è il Suo Cuore Immacolato che alla fine trionferà...

Buona Festa a tutti per santa Caterina da Siena, oggi, nostra amata Patrona!

evergreen ha detto...

@Caterina: comprendo la Sua buona fede umana e la Sua incrollabile Fede cristiana ma vorrei sommessamente dire la mia su questi presunti messaggi mariani e su queste Madonne che verserebbero lacrime o strabizzerebbero gli occhi per indicare alla povera umanità la strada del ravvedimento e del pentimento. Sono personalmente convinto che si tratta di fenomeni di pura suggestione che nulla hanno a che fare con la manifestazione del sacro o del miracoloso. Per il cristiano non servono miracoli spesso simili a fenomeni da baraccone o apparizioni individuali o collettive quasi sempre sospette. Basta e avanza il Vangelo. E del Vangelo bastano e avanzano l'essenziale capitolo delle beatitudini o il grandioso capitolo 25 di Matteo. Mi verrebbe da dire - prafrasando un brano famoso di quello stesso Vangelo - che tutto il resto è di più e in quanto tale viene dal maligno...

Orsobruno ha detto...

Caro evergreen,
vede, se il fatto della lacrimazione, come a Milano, è copioso e constatato da molte persone, e se le lacrime arrivano a bagnare il mobile sopra il quale la statua è collocata, fatto rilevabile da qualsiasi poco mistico sagrestano, che si porrà solo il problema di come asciugare...
...cosa dovremmo fare, negare una realtà evidente e sperimentabile, pur di rimanere fedeli a un'idea precostituita di Cielo che dice: "Hai il Vangelo: non avrai nessun altro minimo segno"?
Che la Rivelazione sia superiore, non significa che non possano esistere altre comunicazioni: la Chiesa non obbliga a crederle, ma spesso le accoglie come doni di Dio.

@Caterina 63: mi piace molto la tua interpretazione ecumenica!!

mic ha detto...

@Caterina 63: mi piace molto la tua interpretazione ecumenica!!

il 'sano' ecumenismo si riconosce sempre

Andrea ha detto...

Per evergreen: la fede cristiana delle persone, proprio perché, a differenza della Fede sponsale del Corpo Mistico, NON è mai incrollabile, ha bisogno di essere nutrita e accompagnata da segni TANGIBILI. Sul campanile della cattedrale di Palermo campeggia la scritta "OPERIBUS CREDITE". Accusare in maniera previa ogni manifestazione soprannaturale di venire dal Demonio significa continuare a muoversi nel soffocante cerchio del razionalismo gallicano (Pascal, Voltaire): facciamo il "salto nel vuoto", non per diventare veri uomini dialogando con chi ci ama, ma per tuffarci in un oscuro "Divino cosmico" !!

evergreen ha detto...

@Orsobruno: i miracoli io li vedo molto simili agli specchietti usati per le allodole o ai trucchi per gli allocchi. Veda: se fosse capitato in Italia o in un paese cattolico un fatto del genere (apra, se vuole, il link sottostante), si sarebbe certamente gridato al miracolo e quell'asceta sarebbe diventato un secondo Padre Pio. http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2010/04/29/visualizza_new.html_1767308045.html

Anonimo ha detto...

evergreen..lei fa una confusione incredibile.

Le "Madonne che piangono" non possono essere una suggestione essendo fatti oggettivi, semai potresti dire che sono un "trucco".

per sua conoscenza poi, le cosiddette "suggestioni collettive" sono sempre e solo rimaste una spiegazione di comodo poichè tale teoria non ha mai avuto NESSUN riscontro scientifico.

Quanto alla notizia da lei citata poi, ancora una volta la sua confusione si dimostra grande.
Cosa c'entrano le tecniche ascetiche con la santità?
E chi ha mai detto che certe "capacità" siano ad appannaggio esclusivo dei Cristiani Cattolici?
E l'asceta da lei citato ha delle capacità reali (a suo dire) o si tratta (nei suoi termini) di "specchietto per le allodole"?

Lei dice "del Vangelo bastano e avanzano l'essenziale capitolo delle beatitudini o il grandioso capitolo 25 di Matteo. Mi verrebbe da dire ... che tutto il resto è di più e in quanto tale viene dal maligno..."

Dunque vengono dal maligno anche i miracoli di Gesù (che nello stesso Vangelo sono riportati) o quelli degli Apostoli?

Anonimo ha detto...

Cari amici vi scrivo per descrivervi in breve la situazione della Grecia alla vigilia di storici avvenimenti.
Politici greci e giornalisti imbroglioni stanno ingannando il popolo greco .
Si sentono frasi come " ri-istituzione dello stato " ,
" nuovo stato esemplare " e
" ordine " al fine di preparare la trappola mortale del fondo monetario internazionale in cui caschera' il popolo greco . Non si notano stranamente particolari contrasti dagli ambienti della Chiesa Ortodossa Greca che sembrerebbe in questo momento estranea ai principi della Chiesa di Cristo .
Anzi giornalisti greci che vogliono apparire vicini alla Chiesa Ortodossa come ad esempio il signor Zervos del canale televisivo Bluesky afferma che con il fondo monetario internazionale avremo un nuovo Stato esemplare e ci sara' ordine . Pare che i proprietari del giornale Economist di Londra hanno dichiarato guerra al popolo greco a causa del suo nazionalismo . Perche' non si e' sollevato qualche Patriarca della Chiesa Ortodossa per difendere il suo popolo dichiarando guerra alla lobby bancaria di Londra ?
Io penso che in questo momento la Chiesa Ortodossa si dovrebbe unire alla Chiesa Cattolica di Sua Santita' Benedetto XVI e cercare il Suo consiglio e le Sue preghiere .
Il popolo greco e' pieno di rabbia perche' comprende che e' stato tradito dalla classe politica e dai giornalisti che stanno cercando di mettergli la fune al collo mediante mostruose tasse e tagli a stipendi e pensioni che distruggeranno anche la sua vita familiare ed ogni sua speranza .Questa e' la giusta occasione affinche' tutte le Forze Cristiane si uniscano in questo momento cruciale nella storia dell' Europa per far scoppiare la scintilla che portera' il popolo greco e l' Europa verso la strada della liberazione dai profeti dell ' anticristo .
Noi saremmo ben lieti di sapere che la Sua Santita' Benedetto XVI prega e sostiene la nostra lotta contro gli angeli neri .

Gianni

evergreen ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
evergreen ha detto...

@Anonimo delle 14.44: ammetto la mia confusione e ammetto la mia ignoranza in materia. Mi faccia luce Lei, se può! Ma, sempre a proposito di Madonne che appaiono o che strabizzano gli occhi, fior di scienzati hanno individuato nelle malattie mentali e in altre manifestazioni morbose della psiche la chiave per comprendere la penosa deriva alla quale sono "condannati" visionari, esaltati e mistici di tutte le specie. Persino Padre Gemelli aveva dichiarato di origine isterica le stimmate del suo famoso confratello di san Giovanni Rotondo. La vera Fede quella con la F maiuscola non può poggiare su queste sospette manifestazioni del sacro.
Come dice Renan nella sua splendida e insuperata "Vita di Gesù", "se il culto di Gesù si affievolirà nell'umanità, ciò avverrà proprio per gli atti che fecero credere in Lui".
Se vuole, può aprire questo link sul capitolo dedicato appunto ai miracoli di Gesù dal grande francese: http://www.lexilogos.com/document/renan/vie_jesus_16.htm

evergreen ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
evergreen ha detto...

Sempre a proposito di miracoli vorrei aggiungere che il termine stesso Messia, il quale in ebraico significa unto, ha un suono assai simile a quello della parola italiana magia. E infatti il Messia ebraico e quello degli evangelisti è - tra l'altro - provvisto di caratteristiche magiche che gli permettono di fare miracoli, inclusa la resuscitazione dei morti: "I ciechi ricuperano la vista, gli storpi camminano, i lebbrosi sono guariti, i sordi riacquistano l'udito, i morti risuscitano, ai poveri è predicata la buona novella," (Matteo 11, 5). Per quanto mi riguarda, mi rassicura e mi convince di più la parte finale del passo di Matteo: "ai poveri è predicata la buona novella". Mi basta e mi avanza...Il resto attiene a vechie e purtroppo mai morte pratiche magiche.

Anonimo ha detto...

certo, fior di scienzati come il Gemelli che privò per decenni la Chiesa di una luce fulgida come quella di Padre Pio o come il massone Renan da lei citato che nega la divinità di Cristo, e Odifreddi dove lo mettiamo?
...opinioni...

Andrea ha detto...

Caro Gianni (ore 16.36), può stare certo che Sua Santità Benedetto XVI guarda con attenzione e amore anche il popolo greco. Mi permetto di augurare, unendomi alle tue speranze, che queste straordinarie difficoltà spingano i Greci dal "nazionalismo" ad una forte "nazionalità". Questa è certamente voluta dal Signore, il nazionalismo no. Forza !

Anonimo ha detto...

Personalmente ritengo che in questo momento la Turchia faccia salti di gioia: in un colpo solo riesce ad eliminare sul piano economico e politico la Grecia che, come noto, la ha in spregio da tempo immemorabile. Tutto questo senza sforzi di natura economica o militare. Intanto in patria l'islamista erdogan può proseguire nella sua opera di eliminazione dell'opposizione laica di stampo kemalista. Sul fronte estero alza la cresta con gli USA a cui fanno gola le basi militari turche e l'ascendente della turchia sulla penisola arabica wahabita. Hussein B. Obama fa pressione per una celere entrata della turchia (80 milioni di abitanti di cui il 70% sotto i 30 anni)nell'unione europea, che nel giro di meno di un decennio verrà colonizzata da popolazioni di giovani turchi di stretta osservanza islamica che imporranno alle popolazioni autoctone (ammutolite dal politicamente corretto di marca sinistroide) le proprie usanze inclusi minareti e muezzin, festa il venerdi, cibo halal e discriminazione della donna.
Non è fantapolitica: è quello che ci attende, e da tutto questo chi ci difenderà? Cosa possiamo fare? Urge una nuova Lega Santa, urge che i popoli di matrice cristiana si uniscano e facciano sentire la propria voce. Se ne può uscire, ma è rimasto poco tempo!

evergreen ha detto...

@Anonimo dell'ultima ora (cioè delle 14.56): forse Lei ignora che il tempo delle crociate è finito! Non le indice più nemmeno il Papa...per fortuna!

Francesco Colafemmina ha detto...

evergreen, anzitutto sulla questione dei miracoli e di San Pio ti pregherei di avere una posizione meno laicistico massonica.

Padre Gemelli quelle stigmate non le vide nemmeno e ad ogni modo la santità di Padre Pio credo che non possa metterla in discussione nessuno. Se a volte si sono sfruttati falsi miracoli e false apparizioni per ragioni economiche ciò non vuol dire che bisogna fare di tutta l'erba un fascio. Sarebbe anticattolico ed anticristiano giacchè Cristo ha operato miracoli e tutti i santi lo han fatto. Sono squarci nel naturale aperti dal sovrannaturale ed è erroneo rinchiuderli nel razionalismo dell'uomo, perchè questo è il mezzo più semplice per eludere le domande essenziali alla base della ricerca di Dio.

Ciò detto ti dico francamente che se potessi mi armerei subito e partirei a difendere la mia patria spirituale, la Grecia, dai politici affaristi, corrotti e gourunia che stanno smantellando la nazione ellenica per darla in pasto ai Turchi.

E ti faccio un piccolo esempio. Se qualcuno forte dei suoi numeri iniziasse a rivendicare il mare ionio, poi lo spazio aereo della Puglia. Poi invadesse le isole Tremiti e minacciasse la Daunia con esercitazioni militari e poi decidesse di fare trivellazioni senza alcun permesso nelle acque pugliesi dello stretto di Otranto... E poi occupasse del Salento per difendere una presunta minoranza albanese... Etc. Etc. Se tutto questo avvenisse in Puglia così come avviene oggi in Grecia tu che faresti? Te ne staresti con le mani in mano? Lasceresti entrare l'invasore in casa tua? Gli cederesti salotto, cucina e camere da letto e ti faresti chiudere in bagno?

io no di certo! E nemmeno numerosi greci! Per resistere non servono crociate ma orgoglio e attributi! Quelli che mancano a molti politici greci e a moltissimi politici europei, venduti al migliore offerente e sempre dalla parte del più forte anche quando questo ne minaccia l'esistenza!

Per fortuna qualcuno diceva che H ELLADA POTE DEN PETHAINEI! ZHTO H ELLAS!

Anonimo ha detto...

@evergreen: sono l'anonimo di cui sopra. Vorrei segnalare che per capire il futuro e le presenti dinamiche socioculturali forse Lei dovrebbe studiare un po' di storia.
Così facendo si renderebbe conto che l'ex sublime porta ha SEMPRE aspirato ad una espansione ad occidente, con qualunque mezzo. Ne hanno fatto le spese anche i nostri connazionali odruntini (800 martiri riconosciuti dalla chiesa, massacrati in odio alla Fede alla fine del XV secolo). Ma si potrebbe anche pensare a tempi più recente ed ai massacri perpetrati appunto contro le popolazioni greche alla metà dell'800. Aggiungo che in turchia sono fortissime due componenti "esplosive": il nazionalismo e l'identità islamica: ne fanno le spese le minoranze, pressochè cancellate (si pensi al martirio di don Andrea Santoro, ucciso da un giovane islamista).
Una cosa è certa da questa europa che condanna l'Italia per torture contro i clandestini(sic! cfr: sito del Consiglio d'Europa, presieduto ovviamente da un rappresentante di quel paese paladino dei diritti umani che è la turchia) e che auspica che il cammino di piena ADESIONE delle turchia all'UE proceda senza esitazioni non ci possiamo aspettare nulla. Forze enormi ed enormi capitali spingono in questo senso. Basti pensare che in Italia "main sponsor" è niente meno che il Sole 24 Ore organo di confindustria.
Caro evergreen, prima di esprimere giudizi categorici occorre documentarsi ...forse ci si renderebbe conto che la realtà è ben più articolata e agghiacciante di quanto la stampa "mainstream" ci rappresenta

Anonimo ha detto...

...certo, se oovesi scegliere un invasore, tra i devotii turchi (gente squisita i musulmani turchi, odiosi invece i laicisti massonici seguaci di Ataturk e dei Giovani turchi..) e i dissoluti anglo/americani, non avrei dubbi, meglio i Turchi!
GP

Anonimo ha detto...

@GP: Squisiti? Certo, come quello che ha massacrato don Andrea Santoro,o quelli che hanno massacrato i cristiani protestanti ad antalia:....islamico turco? Piacere di conoscerti!

evergreen ha detto...

@ i due anonimi: potreste almeno distinguervi con un nick qualsiasi in modo da non ingenerare confusione! Sempre anonomi si rimarrebe...
Per tornare a bomba, i vostri interventi mi convincono sempre di più che la religione finisce con l'avvelenare ogni cosa, come appunto recita il sottotitolo del libro di C. Hitchens "Dio non è grande". E finora le religioni di questo basso mondo non hanno in alcun modo dimostrato di riuscire a creare uomini veramenti liberi da pregiudizi, da superstizioni, da intolleranza. Le guerra nascono anche e direi soprattutto da questo. Il messaggio di Gesù era tutt'altra cosa: era un invito alla libertà autentica dei figli di Dio, un forte anelito alla giustizia, un nobile distacco dai beni della terra, una fiducia illimitata nel Padre celeste, un grande rispetto per tutto il creato e le creature che con noi lo condividono, una condanna esplicita dell'egoismo e della ricchezza: tutte cose che la chiesa ha completamente tradito.

evergreen ha detto...

@Francesco: nulla da obiettare al tuo commento come al solito sereno e civilissimo. Per quanto riguarda la Grecia sono d'accordo con te soltanto in parte. La svendita della nazione al migliore offerente da parte di politici corrotti e avidi è questione che deve interessare e muovere all'indignazione le masse popolari greche in ossequio al principio dell'autodeterminazione dei popoli. Noi, lungi dall'intraprendere nuove crociate, potremmo soltanto favorire a distanza, con idee, collegamenti e appoggi di varia natura, i movimenti democratici di opposizione a quel governo. D'altra parte mi sembra il caso di ricordare che noi stessi non siamo poi all'altezza di fare un'opposizione convinta ed efficace nemmeno in casa nostra pur in presenza di gravi pericoli per la libertà, la giustizia e la democrazia!

Anonimo ha detto...

@evergreen: son sempre lo stesso anonimo. Lei pecca grossolanamente di relativismo culturale. Infatti, taluni cristiani hanno commesso crimini, è vero, ma lo hanno fatto NONOSTANTE il vangelo, gli islamici sono costantemente in guerra (jihad) contro ciò che non è islamico (dar al harb, ovvero terra della guerra).
Come molti occidentali, parla di ciò che non conosce.

Francesco Colafemmina ha detto...

I Turchi islamici o nazionalisti laicisti sono sempre la stessa cosa, ossia uno dei popoli più sanguinari della storia.

Quando combatterono la battaglia di Kosovo Polje e il Sultano vide una mezzaluna e una stella riflettersi nel sangue dei cristiani serbi nacque la bandiera dell'impero ottomano, poi confluita nel vessillo della Turchia attuale. Allora non esistevano laicisti, ma i macellai c'erano già.

Personalmente non vorrei essere invaso da nessuno. Meglio che se ne stiano a casa loro.

Ad ogni modo per quanto concerne il dialogo possibile fra le religioni credo di aver dato un seppur minimo contributo con la mia traduzione dei dialoghi di Manuele Paleologo. Ogni dialogo è possibile purché sia improntato a verità e guidato dalla ragione. E la vera religione è razionale o ragionevole, pertanto non c'è da aver paura della religione, né dello scontro fra religioni, quanto piuttosto dell'uso della religione per ragioni altre da sè.

Anonimo ha detto...

Francesco, so che non ho da insegnarti niente, ma, siccome la propaganda dominante in ambito cattolico è (ahimè) quella dei lepantisti di Patria Famiglia Proprietà di Correa de Oliveira (che io reputo pericolosissimi),
è bene che certi sentimenti anti-islamici siano sempre ben bilanciati acchè il nostro amato Cattolicesimo non diventi una variante europea dei Cristiani Rinati.

Per dovere storico, comunque, il massacro dei Curdi fu proprio opera delle frange vicine ai massonici Giovani Turchi.
Quello che mi permetto di sottolineare che l'islam, a differenza di certo immaginario "occidente", non sovverte la "legge naturale".
GP

Francesco Colafemmina ha detto...

Carissimo,

ma non si tratta di saperne di più o di meno... ;-) Sono d'accordo con te riguardo alle strumentalizzazioni di cui parli.

Ad ogni modo credo che l'Islam in Turchia sia vissuto in maniera diversa rispetto alle altre nazioni islamiche e per una semplice ragione. I turchi non hanno una "nazione" che corrisponda ad uno specifico contesto geografico.

La loro natura di nomadi e conquistatori stanziatisi nel XIII secolo in Anatolia, gli ha fatto vivere la propria religione come arma di conquista ed espansione. E l'intreccio in Turchia tra nazionalismo e religione è parossistico. Il Kemalismo massonizzante non ha fatto altro che accrescere lo sciovinismo nazionalista e renderlo predominante rispetto alla religione in un momento di gravissima crisi per l'ex impero ottomano.

Le due forze che si contendono il potere in Turchia sono in realtà due facce della stessa medaglia.

E l'Islam in sè come religione non c'entra, a mio parere, con il caso turchia.

In Marocco, Tunisia, Siria, etc. l'Islam è religione "tradizionale" ovvero iscritta nelle tradizioni conservatrici e serene del popolo, non è strumento di conquista o di affermazione nazionalistica sugli altri popoli...

Anonimo ha detto...

D'accordo Francesco. Permettimi comunque un 'giochetto' usando quanto scrivi e sostituendo i termini Islam con Cristianesiomo e Turchia con America:

"Ad ogni modo credo che il cristianesimo in America sia vissuto in maniera diversa rispetto alle altre nazioni Cattoliche e per una semplice ragione. Gli Americani non avevano una "nazione" che corrispondesse ad uno specifico contesto geografico.

La loro natura di nomadi e conquistatori stanziatisi nel XVII secolo in America, gli ha fatto vivere la propria religione come arma di conquista ed espansione (il famoso mito della "frontiera"). E l'intreccio in America tra nazionalismo e religione è parossistico. Il messianismo giudaizzante non ha fatto altro che accrescere lo sciovinismo nazionalista e renderlo predominante rispetto alla religione in un momento di gravissima crisi per l'ex colonia britannica.

Le due forze che si contendono il potere in America sono in realtà due facce della stessa medaglia.

E il cristianesimo in sè come religione non c'entra, a mio parere, con il caso americano.

In Spagna, Italia, grecia etc.il Cristianesimo è religione "tradizionale" ovvero iscritta nelle tradizioni conservatrici e serene del popolo, non è strumento di conquista o di affermazione nazionalistica sugli altri popoli..."

GP

evergreen ha detto...

@Anonimo (impenitente): l'antico grido delle nostre contrade "mamma li turchi!" è lo stesso che mi sembra riecheggiare nei tuoi commenti. Non credo che le cose debbano essere viste nell'ottica di chi "vede" nello sconosciuto un pericolo per sè e per le proprie certezze. Apriamoci di più agli altri. Non seguiamo un cliché duro a morire. La conoscenza dell'altro, l'apertura allo straniero ci portano a vivere meglio e, favorendo il progressivo integrarsi delle culture, aiutano i popoli a costruire la pace.
Il cammino della pace altro non è che il cammino della conoscenza e della comprensione reciproca. Dipende da tutti noi, dalla nostra capacità di aprirci agli altri, di rispettarne modi di essere e di pensare se questo cammino debba procedere a passo lento o spedito. Gli assolutismi, le certezze incrollabili non aiutano certo un percorso agevole e privo di incomprensioni...

evergreen ha detto...

@Franceco: grazie per aver pubblicato il mio post a tempo abbondantemente scaduto!

Francesco Colafemmina ha detto...

Caro Evergreen,

come credo di aver spiegato altre volte, esiste un sistema di moderazione automatica che scatta se non erro a partire dal 5 giorno dopo la pubblicazione del commento. Ieri è scattato e visto che ero in treno dalle 15 alle 23.30 mi riusciva difficile pubblicare il tuo commento.

Francesco Colafemmina ha detto...

P.s.

L'idea (massonica) che l'unico metodo per favorire la pace sia l'abbattimento delle identità è una stronzata. Scusami se sono diretto, ma la penso così.

Non a caso, quando si demolisce una identità culturale se ne forma un'altra. Solo che mentre la prima corrisponde ad un processo naturale delle comunità umane, la seconda è una imposizione realizzata con la forza dell'economia e della politica.

Se gli uomini fossero in grado di camminare in parallelo, dialogando senza rinunciare alla propria identità, ma accomunati da una naturale ricerca del vero, del giusto e del bello, non ci sarebbero guerre.

Lo diceva Manuele Paleologo nel 1391, mentre era ostaggio dei Turchi ad Ankara ad un saggio persiano. Lui era certo di possedere già la verità, e questo è il bello del Cristianesimo! E' una religione che pur essendo dogmatica e rivelata è razionale e ragionevole. Quindi comprensibile a tutta l'umanità.

Se io la penso diversamente da te, potremo anche confrontarci e discutere, ma alla fine ci rispetteremo sempre, perché la nostra volontà non è quella di vincere sull'altro ma di convincere l'altro.

evergreen ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
evergreen ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
evergreen ha detto...

@Francesco: Ti ringrazio della pazienza e della cortesia. Tu dici che il Cristianesimo ha questo di bello: è una religione comprensibile a tutti perché, pur basata su dogmi, è razionale e ragionevole. Secondo me il bello del cristianesimo risiede altrove ed è in quella splendida, illimitata fiducia filiale nel Padre comune che Gesù ha praticato ed insegnato, nell'amore anche per i nemici da considerare comunque fratelli, nella ferma, irrevocabile condanna della ricchezza, nello stoico distacco dai beni della terra, nel riscatto dei poveri, nell'accoglienza dello straniero, nella com-passione dei sofferenti, nel sublime discorso della montagna, nel grandioso capitolo 25 di Matteo, nella capacità infine di osservare il mondo, la natura e le sue creature con occhi da poeta "Guardate i gigli del campo...respicite volatilia coeli...!
Il resto, che è quell'incredibile, arditissima impalcatura teologica partorita dalla mente spesso buia e contorta degli uomini, è difficile da digerire. Essa - pur con qualche innegabile fascino dottrinale - tradisce la mano e le limitazioni di chi l'ha costruita e reintroduce miti e credenze del paganesimo e della cultura in cui lo stesso si sviluppò e crebbe. Ad esempio la nascita verginale, la divinità di un uomo in carne ed ossa, la sua resurrezione, la sua ascesa al cielo, la Trinità, la resurrezione dei morti, l'inferno, il paradiso, l'infallibilità del papa... son tutte cose che fanno a pugni con la ragione e con l'esperienza di vita quotidiana che ci è dato di sperimentare. Oggi come in qualsiasi epoca. L'unico argomento (sempre che Dio non si diverta a giocare a nascondino con le Sue creature!), l'unico argomento - dicevo - che non mi ha lasciato indifferente di fronte alla Fede ed ai suoi dogmi, che possono essere rifiutati o accettati e condivisi, è quello di Jean Guitton quando dice: «Per i cristiani, Dio è necessariamente discreto. Ha posto un'apparenza di probabilità nei dubbi che investono la Sua esistenza. Si è avvolto di ombre, per rendere la fede più appassionata e, senza dubbio, anche per avere il diritto di perdonare il nostro rifiuto. Occorre che la soluzione contraria alla fede conservi sempre una sua credibile verosimiglianza, per lasciare completa libertà d'azione alla Sua misericordia».
Ed è per questo che nessuno deve soverchiare e sopraffare le convinzioni religiose dell'altro. Se Dio stesso ci lascia liberi nei Suoi riguardi, figuriamoci se non dobbiamo farlo noi nei riguardi dei nostri simili!
Con stima.