lunedì 4 ottobre 2010

PREGHIERA A SAN FRANCESCO


Francesco che innanzi alla Croce
udisti l'ordin del Signore
di riparar la sua casa in rovina,
proteggi la tua e nostra Chiesa,
ché dimentica di quell'onore
da tributare al sol Redentore,
senza più udir la Sua voce,
procura con lena feroce
d'innalzargli false dimore,
per brama vile e meschina
di denaro e plauso mondano;

e distrugge quegli antichi altari
che nei secoli accolser fedeli
di Cristo il Santo Sacrificio,
pervertendo lo spazio del rito
da tempio a teatro profano.

Converti, o Santo Francesco
cardinali, episcopi e preti,
ormai fedeli funzionari
d'un novello ordin mondiale,
e non già servi del Signore
che sempre ci apprendesti ad amare.

Proteggi poi il nostro Papa,
di Pietro sapiente successore,
e a noi concedi alfine
un lieto cammino terreno,
una fede autentica e sincera,
più di quella smarrita dal clero,
del Concilio nella trista primavera.

(di F.Colafemmina)


dalla Leggenda Maggiore di San Bonaventura da Bagnoreggio

"Il servo dell'Altissimo, in questa sua nuova esperienza, non aveva altra guida, se non Cristo, perciò Cristo, nella sua clemenza, volle nuovamente visitarlo con la dolcezza della sua grazia. Un giorno era uscito nella campagna per meditare. Trovandosi a passare vicino alla chiesa di San Damiano, che minacciava rovina, vecchia com'era, spinto dall'impulso dello Spirito Santo, vi entrò per pregare. Pregando inginocchiato davanti all'immagine del Crocifisso, si sentì invadere da una grande consolazione spirituale e, mentre fissava gli occhi pieni di lacrime nella croce del Signore, udì con gli orecchi del corpo una voce scendere verso di lui dalla croce e dirgli per tre volte: " Francesco, va e ripara la mia chiesa che, come vedi, è tutta in rovina! ". All'udire quella voce, Francesco rimane stupito e tutto tremante, perché nella chiesa è solo e, percependo nel cuore la forza del linguaggio divino, si sente rapito fuori dei sensi. Tornato finalmente in sé, si accinge ad obbedire, si concentra tutto nella missione di riparare la chiesa di mura, benché la parola divina si riferisse principalmente a quella Chiesa, che Cristo acquistò col suo sangue, come lo Spirito Santo gli avrebbe fatto capire e come egli stesso rivelò in seguito ai frati.
Si alzò, pertanto, munendosi del segno della croce, e, prese con sé delle stoffe, si affrettò verso la città di Foligno, per venderle. Vendette tutto quanto aveva portato; si liberò anche, mercante fortunato, del cavallo, col quale era venuto, incassandone il prezzo. Tornando ad Assisi, entrò devotamente nella chiesa che aveva avuto l'incarico di restaurare. Vi trovò un sacerdote povere!lo e, dopo avergli fatta debita reverenza, gli offrì il danaro per la riparazione della chiesa e umilmente domandò che gli permettesse di abitare con lui per qualche tempo. Il sacerdote acconsentì che egli restasse; ma, per timore dei suoi genitori, non accettò il denaro - e quel vero dispregiatore del denaro lo buttò su una finestra, stimandolo polvere abbietta.
(...)
Ormai ben radicato nell'umiltà di Cristo, Francesco richiama alla memoria l'obbedienza di restaurare la chiesa di San Damiano, che la Croce gli ha imposto. Vero obbediente, ritorna ad Assisi, per eseguire l'ordine della voce divina, se non altro con la mendicazione. Deposta ogni vergogna per amore del povero Crocifisso, andava a cercar l'elemosina da coloro con i quali un tempo aveva vissuto nell'abbondanza, e sottoponeva il suo debole corpo, prostrato dai digiuni, al peso delle pietre. Riuscì così, a restaurare quella chiesetta, con l'aiuto di Dio e il devoto soccorso dei concittadini. Poi, per non lasciare intorpidire il corpo nell'ozio, dopo la fatica, passò a riparare, in un luogo un po' più distante dalla città, la chiesa dedicata a San Pietro spinto dalla devozione speciale che nutriva, insieme con la fede pura e sincera, verso il Principe degli Apostoli.
Riparata anche questa chiesa, andò finalmente in 1048 un luogo chiamato Porziuncola, nel quale vi era una chiesa dedicata alla beatissima Vergine: una fabbrica antica, ma allora assolutamente trascurata e abbandonata. Quando l'uomo di Dio la vide così abbandonata, spinto dalla sua fervente devozione per la Regina del mondo, vi fissò la sua dimora, con l'intento di ripararla. Là egli godeva spesso della visita degli Angeli, come sembrava indicare il nome della chiesa stessa, chiamata fin dall'antichità Santa Maria degli Angeli. Perciò la scelse come sua residenza, a causa della sua venerazione per gli Angeli e del suo speciale amore per la Madre di Cristo. Il Santo amò questo luogo più di tutti gli altri luoghi del mondo. Qui, infatti, conobbe l'umiltà degli inizi; qui progredì nelle virtù; qui raggiunse felicemente la mèta. Questo luogo, al momento della morte, raccomandò ai frati come il luogo più caro alla Vergine.
Riguardo a questo luogo, un frate, a Dio devoto, prima della sua conversione ebbe una visione degna di essere riferita. Gli sembrò di vedere innumerevoli uomini, colpiti da cecità, che stavano attorno a questa chiesa, in ginocchio e con la faccia rivolta al cielo. Tutti protendevano le mani verso l'alto e, piangendo, invocavano da Dio misericordia e luce. Ed ecco, venne dal cielo uno splendore immenso, che penetrando in loro tutti, portò a ciascuno la luce e la salvezza desiderate.
E' questo il luogo, nel quale san Francesco, guidato dalla divina rivelazione, diede inizio all'Ordine dei frati minori. Proprio per disposizione della Provvidenza divina, che lo dirigeva in ogni cosa, il servo di Cristo aveva restaurato materialmente tre chiese, prima di fondare l'Ordine e di darsi alla predicazione del Vangelo. In tal modo non solamente egli aveva realizzato un armonioso progresso spirituale, elevandosi dalle realtà sensibili a quelle intelligibili, dalle minori alle maggiori; ma aveva anche, con un'opera tangibile, mostrato e prefigurato simbolicamente la sua missione futura. Infatti, così come furono riparati i tre edifici, sotto la guida di quest'uomo santo si sarebbe rinnovata la Chiesa in tre modi: secondo la forma di vita, secondo la Regola e secondo la dottrina di Cristo da lui proposte - e avrebbe celebrato i suoi trionfi una triplice milizia di eletti. E noi ora costatiamo che così è avvenuto."

14 commenti:

Anonimo ha detto...

auguri

Francesco Colafemmina ha detto...

Grazie mille!

fariseo ha detto...

Tanti auguri di Buon Onomastico, Francesco! Che il Signore ti ricolmi di ogni grazia per il tuo nobile lavoro a servizio della fede. Auguri!

Anonimo ha detto...

Felice onomastico, Francesco!

T.I.

Stefano78 ha detto...

Buon onomastico, e che il Serafico Padre ti guidi e ti benedica sempre. E lo faccia anche con noi..

Piero ha detto...

Buonasera a tutti
Auguri anche da parte mia. Una volta, neanche tanto tempo fa, oggi sarebbe stata Festa Nazionale.
Leggere quello che ha scritto mi ha fatto capire di quanto nulla io conti al confronto di Francesco di Assisi divenuto Santo.
Grazie
Piero e famiglia

PincoRamone ha detto...

"fedeli funzionari
d'un novello ordin mondiale"

...parole "sante"...

mic ha detto...

Auguri Francesco
Un abbraccio

bedwere ha detto...

Che s. Francesco interceda per te!

Anonimo ha detto...

http://www.diocesidiacerra.it/ilsacroelesueforme

Caterina63 ha detto...

Mi associo e faccio mia quest'umile e stupenda Preghiera...
Grazie Francesco ^__^

Anonimo ha detto...

Auguri nucleari dal tuo amicone Franco ( per l'anagrafe Battaglia). Silvano

Andrea ha detto...

Due note:
1- fantasticamente eloquente, limpida e toccante l'immagine giottesca scelta da Francesco.
2- domenica mattina, prima della Messa celebrata dal S.Padre a Palermo (sulla spianata prospiciente il porto), è stato detto dallo speaker che non si sarebbe trattato di uno spettacolo ma del Santo Sacrificio.
Essendomi trovato tra la gente, lontano dal palco, posso testimoniare che non ce ne sarebbe stato bisogno: la partecipazione è stata raccolta e devota. Molti cantavano (su musiche spesso sconosciute), tutti partecipavano in silenzio.
3- non consideriamo "il Clero" privo di fede: osserviamo piuttosto che spesso si attarda nel tentativo di battezzare ciò che va solo respinto, e non vede le grandiose glorie della civiltà cristiana.
4- il più bello striscione di Palermo: "Siamo figli della Chiesa". Chiesa non è assemblea vociante, ma Madre (e Maestra).
Auguri Francesco !

evergreen ha detto...

Chiedendo scusa per il ritardo...auguri!