venerdì 25 maggio 2012

QUANDO LA FANTASIA SUPERA LA REALTA'...

Il colpevole non poteva non essere il maggiordomo...
di Francesco Colafemmina

La decadenza del Vaticano intesa come struttura organizzativa della Chiesa Universale e corte papale avanza rapidamente in questi giorni. Ieri le dimissioni forzate dell'integerrimo Gotti Tedeschi, oggi il farsesco arresto del maggiordomo del Papa, quasi si volesse ricondurre da un lato l'intera vicenda dei Vatileaks alla trama di un romanzo giallo di second'ordine, e dall'altro licenziare le ingombranti accuse provenienti dal volume di Nuzzi in 48 ore, nella speranza che i media dimentichino tutto in pochi giorni.

Ora, chi ha letto il libro "Santo Padre" può affermare con sicurezza che buona parte - se non tutti - i documenti passati dall'organizzazione "Maria" a Gianluigi Nuzzi sono documenti finiti sì sulla scrivania del Papa, ma subito dopo trasferiti alla Segreteria di Stato (c'è il timbro di ingresso e di uscita, ci sono cablogrammi della Segreteria di Stato e documenti provenienti dalle nunziature). Dunque è di qui che devono provenire mentre è  molto naif o romantico ma pressoché impossibile che il maggiordomo del Papa possa entrare a portare un cappuccino a don Georg e magari fregarsi qualche documento nascondendolo sotto il vassoio.... poi ritornare a portare un caffé decaffeinato al Santo Padre e rinfilare i documenti nella cartella "Alla firma del Santo Padre" adagiata sulla scrivania dello stesso don Georg. Questa è al massimo la trama di una fiction di Raiuno! E' vero non siamo cattolici adulti, ma neanche dei creduloni per non ricorrere ad un altra rima in -oni. 

Finora non ci è dato sapere quali siano le imputazioni a carico dell'aiutante di camera di Benedetto XVI. Sorgono tuttavia spontanee una serie di domande:

1. Se è vero che è stata trovata in casa sua una "ingente mole" di documenti riservati posseduti illegalmente - questo ha affermato Padre Lombardi - il reato contestato a questa persona non è quello di aver passato tali documenti a Nuzzi, bensì quello di possederli. 

2. Non potendo provare la connessione fra l'aiutante di camera del Papa e i divulgatori di alcuni documenti riservati, non si può affermare, dunque, - come hanno fatto praticamente tutti i giornali - che quegli sarebbe "il corvo" autore di Vatileacks.

3. La commissione vaticana creata ad hoc per comprendere chi abbia trafugato dei documenti riservati della Santa Sede, ricorda la commissione prevista da un documento a firma del Cardinal Villot dal titolo "Secreta continere", relativo al segreto pontificio. Nel documento pubblicato sugli AAS nel 1974 si parla di una simile commissione e di pene non meglio specificate per l'eventuale violatore del reato. Ma quali pene possono essere inflitte a chi semplicemente detiene illegalmente dei documenti riservati della Santa Sede? E come si fa a dimostrare che quei documenti sono effettivamente di sua proprietà e non messi in casa sua da qualcun altro? Che è stata questa persona a procurarseli direttamente e autonomamente? E che questa persona li ha diffusi all'esterno del Vaticano?

4. Da ieri si è cominciato prontamente a sversare fango su Ettore Gotti Tedeschi. Oggi viene incriminato il maggiordomo del Papa. Domani cosa dovremo aspettarci? Questa strategia vaticana più che far pulizia e riportare giustizia sembra una faida senza quartiere che rischia di danneggiare ancor più l'immagine di una Chiesa in cui regnano il pressappochismo e la faciloneria oltre al solito corteggio di ambizioni, lotte di potere e sete di denaro.

Di qui il sospetto - ma ritenetelo solo un sospetto - che chi sta gestendo questa crisi in cerca di una sua soluzione stia agendo esclusivamente nell'interesse di forze occulte, di dinamiche mondane volte a peggiorare la percezione mondiale della Santa Sede. Sta danneggiando più di tutti l'immagine del Papa. Questi, rappresentato come un Sovrano pugnalato alle spalle persino dal suo cameriere, finisce per assurgere a specchio dell'impotenza e della fragilità di una struttura gravata dal tempo e grondante  umanità nel senso deteriore del termine. Se dunque dal libro di Nuzzi e dall'intera serie di Vatileaks si potevano trarre lezioni positive per il ripristino di semplici norme di giustizia, rispetto delle competenze e buona gestione del sistema, sembra che al contrario si voglia indulgere in una guerra all'ultimo colpo un po' alla "muoia Sansone con tutti i Filistei". Probabilmente "Maria", la fonte di Nuzzi, deve aver passato documenti ben più compromettenti o si teme possa esserne in possesso, o molto più semplicemente qualcuno non accetta l'idea di veder messa in dubbio la propria capacità e credibilità. 
Certo, al di là di queste considerazioni a noi cattolici tutti tocca assistere a uno spettacolo pietoso e al contempo penoso, la parabola discendente di un papato glorioso mentre i lupi - questa volta tutti interni - sembrano soffocare sempre più il Sommo Pontefice e mettere alla berlina la Chiesa di Cristo.  

6 commenti:

Antonio da Monopoli ha detto...

Anch'io credo che quella del maggiordomo sia una figura coprente di qualcos'altro, però in linea di principio non escludo che la questione possa corrispondere al vero considerando il clima da "volemose bene" che regna nella chiesa come nei sacri palazzi con il conseguente decadimento di tutto il galateo curiale. Basta vedere la sfrontatezza di Bertone. Credo che ci sia molta superficialità come in tutte le curie, dove si perdono documenti, non ne arrivano altri, non vi è riservatezza, ecc. ecc.

Andrea Carradori ha detto...

Nessuna persona dotata di un minimo di buon senso può credere alla storia del maggiordomo ... Forse stiamo su "SCHERZI A PARTE" ???

Gianpaolo1951 ha detto...

Carissimo Francesco,
e se tutto ciò, altro non fosse che un avvertimento in perfetto stile mafioso, rivolto al Santo Padre in vista dell’Anno della Fede da Lui indetto per l’11 ottobre - guarda caso - proprio lo stesso giorno in cui cinquant’anni fa si apriva il fatidico e intoccabile Concilio Vaticano II?!?...
Il tempo stringe… e l’armata dei novatores sa che molte cose saranno messe in discussione con il rischio che la Tradizione – quella bimillenaria – possa riprendersi il sacrosanto posto che le spetta, dopo un assurdo esilio durato mezzo secolo…, con le fatali conseguenze negative che inevitabilmente si riverseranno su questa “armata”, fondata sull’equivoco e sulla menzogna!!!

Anonimo ha detto...

Caro Francesco condivido il tuo punto di vista... oggi ho pensato le stesse cose, pur non avendo ancora letto il libro.

S

Andrea ha detto...

È ciò che io chiamai "scollamento", caro Gianpaolo: sono passati 50 anni; i "novatores" vedono che la "Chiesa dei Perfetti" sostanzialmente non è nata, e che i suoi leader stanno invecchiando e morendo; la reazione è "adesso o mai più" (la trasformazione della Chiesa/Corpo Mistico in Chiesa/federazione di gruppuscoli territoriali).

Avviene lo scollamento, non per scomunica da parte del Papa, ma per scomunica del Papa da parte di chi "aveva tanto sperato nei Tempi Nuovi..."

giorgio casali ha detto...

« Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l'hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli. Ed io ti dico: Tu sei Pietro, e su questa pietra edificherò la mia Chiesa, e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del Regno dei Cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli. » (Mt 16,17-19)