sabato 2 febbraio 2013

SULLA COERENZA PASTORALE DI MONS. MOREROD


di Francesco Colafemmina

"Questa settimana Monsignor Morerod segnerà un'alleanza fra sport e spiritualità." Accadeva solo qualche giorno fa. Il Monsignore in questione, Vescovo della Diocesi di Losanna, Friburgo e Ginevra, dopo aver emanato un decreto nel quale si concede l'uso delle chiese cattoliche ad evangelici, luterani, anglicani e ortodossi, ma non - si badi! - ai monatti della Fraternità San Pio X. Sono sospesi a divinis: vade retro!


Intanto il Monsignore si fa una bella gita in montagna, prepara una succulenta fonduta, dice qualche bagattella un po' figa ai suoi ggiovani, segue uno spettacolo al buio con tante candeline e tutti seduti per terra come dei deficienti, modello seduta spiritica de' noantri. Per finire concertino con tanto di piffero dal quale esala una nenia anestetizzante per adolescenti in tempesta ormonale. Il giorno dopo sciata collettiva sulle nevi alpine. Il video dell'esperienza pastorale di Sua Eccellenza si conclude con un abbraccio fra due ragazzi.

Andiamo però a vedere il sito della pastorale d'animazione giovanile svizzera www.pasaj.ch. Subito troviamo una notizia davvero straordinaria: "Dal 2 al 4 gennaio una dozzina di persone hanno giocato a 3 giochi di ruolo ininterrottamente!" Verrebbe da dire: wow, che figa questa pastorale giovanile... Ma aspettate di sentire i nomi dei giochi: Warhammer, Chutlu e Malèfices. Il primo è un gioco phantasy ambientato in un mondo abitato da elfi, orchi e varie divinità immaginarie. Il secondo è invece basato sulla divinità fantastica di Lovercraft che è paragonabile al demone biblico Asmodeo. Il terzo è dichiaratamente un gioco che parla di Satana, di malefici e di forze diaboliche. Roba da ragazzi, vero? Autentica pastorale cattolica!


La coerenza di certi Vescovi è disarmante. Se la pastorale giovanile corrisponde ad una simile forma di cameratismo adolescenziale, alimentato peraltro da questi demenziali giochi di ruolo, e  consacrato dalla trasformazione del Vescovo nella figura del professore liceale che porta i suoi alunni in gita in montagna, mi sembra anche ovvio che le chiese di quella diocesi non possano essere aperte alle stantie e decrepite pastorali della FSSPX fondate sul connubio preghiera-liturgia. Meglio giocare a Maléfices, il cui motto non a caso è "votre ame nous interesse"...

18 commenti:

Areki ha detto...

Complimenti!
Questo articolo ci fa conoscere che cima (di rapa) è questo Mons. Moredod.....
Ho visionato anche il filmato.... Che grande responsabilità abbiamo noi sacerdoti delle anime che Dio ci affida.... e che possiamo scandalizzare con le nostre trovate pastorali......
don Bernardo

Amicus ha detto...

Splendido decreto in perfetto stile conciliare, sempre per la serie "Facce di bronzo".
E tuttavia non bisogna disperare: in fondo il Morerod (che disgraziatamente ha partecipato ai colloqui dottrinali con la FSSPX) è per la Tradizione, non vedete che
scia in paonazza?

Andrea ha detto...

Una volta c'era la Chiesa e lo scimmiottamento della Chiesa, cioè la Massoneria.
Adesso c'è la Chiesa, la Massoneria e la parodia di Chiesa interna alla Chiesa. Come vogliamo chiamarla? "Federazione di tribù adoranti l'Arcobaleno"?

Gianpaolo1951 ha detto...

Se questo è un “Monsignore”…,
io sono un cardinale!!!
Purtroppo il marcio non è solo nella Curia e nello IOR…,
ma in tutta la Chiesa Cattolica!
E intanto, per rimediare, che si fa?!?
Ma si tweetta
Logicamente!!!

Andrea Carradori ha detto...

Mi piacerebbe approfondire la tematica del provvedimento di Sua Eccellenza Mons. Morerod nei confronti della Fraternità San Pio X. Avevo sentito parlar bene, da alcuni Sacerdoti svizzeri, di questo vescovo che, a loro dire, sta operando assai bene anche in campo liturgico-teologico. Per quanto può fare un Vescovo in quei paesi nordici dove ha le mani legate e spesso anche la bocca cucita ... Il filmato ? Frutto dell'autonomia dei settori laici ( in mano a dei giovanotti 50nni e dei loro adepti più giovani ...) Se un Vescovo ancora può pronunciare un'omelia già è tanto ... Sto collezionando testimonianze di preti svizzeri e "stranieri" ( andati in Svizzera occasionalmente ) a cui i consigli ( di laici ) parrocchiali hanno impedito di prounciare l'omelia durante la messa parrocchiale oppure hanno presteso di vagliare ( censura poliziesca ) la bozza dell'omelia. Il Vescovo Mons. Morerod non è fra i peggiori ... anzi i preti sono contenti di lui. Bisognerebbe comprendere perchè e chi gli ha ispirato un tale provvedimento che , al di là delle censure canoniche a chi non è perfettamente in comunione con la Sede Apostolica, colpisce un gruppo che , una volta ritornato all'obbedienza romana, potrebbe essere un ottimo aiuto per combattere il nemico comune : il modernismo.progressista. Buona domenica a tutti.

Anonimo ha detto...

Quattro gatti per una diocesi con quelle tre importanti città? E che tristezza quei locali da colonia montana anni '50, con quella allegria obbligatoria,mentre tutti sognano la discoteca..

Sixupman ha detto...

Part of a big anti-SSPX public relations exercise probably orchestrated by +Muller and German Bishops' Conference and members.

It appears SSPX have and never sought to use diocesan churches in that diocese. Msgr. Moredod is merely a trouble-maker.

Fariseo ha detto...

Da notare, mentre il vescovo mescola la fonduta, la croce pettorale ben nascosta nel taschino! E poi fanno le campagne contro l'abolizione del crocifisso nelle scuole!

Anonimo ha detto...

Colafemmina figlio del diavolo

Francesco Colafemmina ha detto...

Lei invece figlio di...?

satiricus ha detto...

Giovavo al "Richiamo di Cthulu" quando ero pre-adolescente. Uno dei testi centrali evocati di continuo nella saga era il Necronomicon, il libro dei morti. Per grazia divina - oggi la leggo così - ebbi la percezione che la cosa avesse il peso di una anti-bibbia a tutti gli effetti. In coscienza non mi sentii di continuare. Quindi mi volsi alla parrocchia. Lì il curato, aggiornato sulle pastorali martiniane, mi costrinse ad abbandonare la messa. Abbandonai il curato e la mia parrocchia. Non mi abbandonò la Provvidenza che mi portò subito altrove. E lì rimasi fino a che ebbi ossa abbastanza salde da affrontare i vecchi mostri: Cthulu e curati vari. Mi stupisco ma non troppo di scoprire che in qualche diocesi le due oscenità han fatto lega. Pregate per i poveri adolescenti che cresceranno convinti che quello sia cattolicesimo.

Andrea ha detto...

Per Andrea C. : io non ho alcuna simpatia per l'ambiente della FSSPX.
Se mi sono permesso di parlare di "parodia della Chiesa", non è affatto per "lesa dignità dei tradizionalisti", ma per l'effettivo sbandamento di questo e di tanti altri Vescovi.
Concedere le chiese a persone e culti non cattolici è cosa di straordinaria gravità.

Per Satiricus: credo che lei abbia perfettamente ragione nel segnalare la negatività profonda di molti giochi elettronici. L'esplosione del Satanismo (velato) nell'entertainment si ebbe già negli anni '60: molto prima dei personal computer.
Se la Chiesa rinuncia a parlare di anima, il Diavolo -che sa benissimo quanto ogni anima sia preziosa-, non rinuncia certo a "interessarsene"

Anonimo ha detto...

Confermo quanto ha scritto Corradoni ieri : il vescovo Moredod ha una sana e solida formazione teologica e fa molto bene anche liturgicmente. Il provvedimento contro gli econiati è stato fatto in coro e a più voci, ma no all'unisono, con gli altri vescovi svizzeri . Il vescovo Moredotd è assai migliore degli altri suoi simili.

Livio Sterlicchio ha detto...

Se questo vescovo è tra i migliori, figuriamoci che cosa sono i peggiori!

N.B. La V minuscola non è un refuso

Luisa ha detto...



Nel mese di dicembre Mons. Morerod ha dato un `intervista, una specie di bilancio ad un anno dalla sua nomina, ebbene, pur rammaricandosi delle divisione fra cristiani ( non ha detto cattolici) non sembrava affatto preoccupato dell`impatto della FSSPX sulla diocesi, lo ha minimizzato, ha detto che si aspetta la loro risposta, che crede non è ancora arrivata, niente nelle sue parole poteva far presupporre che un mese dopo avrebbe pubblicato quel decreto!

http://www.laliberte.ch/l-info-regionale/le-betisier-du-message-anniversaire-de-mgr-morerod

Secondo video al 7mo minuto.

E questi sono i suoi auguri di Natale, un rebus:

http://www.laliberte.ch/l-info-regionale/mgr-morerod-adresse-des-voeux-egnimatiques

Eh sì il nostro vescovo ha molto humour ed è molto apprezzato dai media!
Con quel decreto ha raggiunto i ranghi dei suoi confratelli, acerrimi nemici della FSSPX, le spiegazioni che ha dato su facebook non mi rendono più chiara la sua logica, dice cose che potrebbero far credere che non conosce la FSSPX, che scopre solo oggi le sue psizioni, mentre la conosce benissimo, fa intervenire gli ebrei e come lo fa è molto deludente visto che mons. Morerod è un teologo, il politically correct impera.

http://chiesaepostconcilio.blogspot.ch/2013/02/le-forum-catholique-riporta-questa.html

bernardino ha detto...

Cari amici, se Nostro Signore, ci ha dato questa gerarchia e questo conciliabolo e' perche' non ci meritiamo di meglio - siamo peccatori e non pentiti, continuiamo ad offendere Dio e la Madre SS.ma -
Egregio don Bernardo sappiamo perfettamente quali grandi responsabilita' ci ha dato il Signore per le anime che ci ha affidato, ora sta' a noi in questo momento di silenziosa apostasia lavorare per la vigna del Signore e con l'esperienza che abbiamo davanti difendere la Chiesa - si, ma quella di Cristo, e non come fanno i falsi fratelli, lavorare contro. Noi conosciamo bene la Dottrina Cattolica, guai a tradirla, chissa' se Gesu' a noi lo perdonerebbe?
Sono un semplice fedele, ma so' quale responsabilita' Gesu' ha posto su di me.
Bernardino.

Anonimo ha detto...

Maledetta fonduta modernista! Torniamo alla raclette!
Scherzi a parte, la Chiesa Cattolica mainstream è ormai tutta così. Sabato scorso il parroco del paesino dei miei suoceri era a tirare coriandoli dai carri di carnevale vestito da stregone (NB di solito gira in maniche di camicia e maglione). Un bene? Un male? Boh? A me ormai sembra superfluo tutto questo accanimento a voler risvegliare quello che è, oggettivamente, un cadavare. Ripeto la mia previsione/auspicio che tra qualche anno ci ritroveremo tutti allegramente dal lato ortodosso del Bosforo (quelli svegli, gli altri si eleggeranno un Papa a loro uso e consumo.

Andrea ha detto...

È andata "a pallino" (per usare un linguaggio da Oratorio) la maggioranza degli ambienti cattolici, caro Anonimo delle 9:52; non il mainstream, cioè la Linfa Vitale che fluisce da duemila anni.

Buona parte della Chiesa ha voluto pensarsi ed essere identificata sociologicamente ("Noi siamo la componente cattolica della società - siamo il Mondo Cattolico") anziché vitalmente ("Guarda come si amano"), e il risultato è stato tragico